21 C
Camerota
lunedì, Ottobre 3, 2022
spot_img

Elezioni 2022. M5S, I candidati Castiello – Vassallo: “E’ il momento della rinascita e il momento della svolta”

Turismo

M5S, I candidati Castiello – Vassallo: “E’ il momento della rinascita e il momento della svolta”

I Candidati del Movimento 5 stelle Francesco Castiello e Dario Vassallo chiudono la propria campagna elettorale tra standing ovation del pubblico.

“Una standing ovation accoglie la chiusura della campagna elettorale di Dario Vassallo e Francesco Castiello a Vallo della Lucania, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Un’apoteosi, un consenso fortissimo cresciuto in maniera esponenziale per il M5S nel Collegio Eboli Cilento. “In queste settimane ho girato tanto per il mio collegio elettorale – dichiara Dario Vassallo – e sento intorno a me grande entusiasmo. Siamo stati capaci di interessare e coinvolgere veramente tanti, tanti cittadini che non sarebbero andati a votare. L’entusiasmo è alle stelle, perché credono in questa candidatura e in questo progetto.

Un calore incredibili da parte di attivisti e di cittadini, coinvolti dal progetto politico teso ad una nuova partecipazione attiva. Un dialogo costante, diretto, con le persone, senza barriere o distinzione. Una vera politica partita dal basso, che nel corso delle settimane ha acquisito nuova linfa vitale.

“In questi anni al Governo abbiamo ottenuto risultati importanti – dichiara Francesco Castiello – ad esempio l’abolizione del superticket; oltre 10 miliardi investiti nella scuola durante il Governo Conte II; la decontribuzione al 100% per chi assume under 36 e giovani disoccupate, che ha garantito un impiego a quasi 230mila giovani e 64mila donne. Questo solo per citarne alcuni. Risultati di cui vogliamo informare i cittadini, e vogliamo parlare con loro del nostro programma e delle battaglie per la trasparenza e la legalità, che portiamo avanti da sempre. Insieme per cambiare le cose con Giuseppe Conte presidente, sempre dalla parte giusta”.

“Una vera e propria “rivoluzione culturale” che parte dal Sud, nel tentativo di cambiare rotta. Un Mezzogiorno – affermano i due esponenti –  che vuole riappropriarsi della libertà di scegliere i propri candidati fuori da logiche anacronistiche dei vecchi partiti. La voglia di riscatto di una terra, il Cilento e il Vallo di Diano, che vuole affermare con forza la propria identità, per troppi anni usurpata e bloccata da sistemi di potere, a vantaggio di pochi” – concludono -.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca

Shares