12.6 C
Camerota
sabato, Febbraio 4, 2023
spot_img

Qatargate: trovati oltre 1,5 milioni euro tra Kaili e Panzeri, 20 mila euro a casa di Giorgi

Turismo

Qatargate: trovati oltre 1,5 milioni euro tra Kaili e Panzeri, 20 mila euro a casa di Giorgi

Kaili non era a conoscenza dei soldi a casa sua. L’europarlamentare ed ex vicepresidente del Parlamento europeo Eva Kaili ‘non era a conoscenza dei soldi’ trovati a casa sua. Lo ha detto il suo avvocato alla Afp.

Secondo l’avvocato Michalis Dimitrakopoulos Kaili non ha “nessuna relazione con il denaro trovato a casa sua (…) non sapeva dell’esistenza di questo denaro”, ha assicurato, ribadendo che la sua assistita è “innocente”. Secondo i media belgi, sono stati scoperti nel suo appartamento di Bruxelles banconote per 750.000 euro, 600.000 dei quali in una valigia portata dal padre della politica greca.

Sequestrati 20mila euro a casa di Francesco Giorgi. Circa 20 mila euro in contanti sono stati sequestrati, nell’abitazione di Abbiategrasso in provincia di Milano, a Francesco Giorgi, il compagno della ormai ex vicepresidente del Parlamento Europeo Eva Kaili, entrambi arrestati come l’ex eurodeputato Antonio Panzeri nell’indagine di Bruxelles sul cosiddetto Qatargate. Il sequestro è stato eseguito dalla Gdf milanese in esecuzione di un ordine di investigazione europeo che già ieri ha portato ad alcune perquisizioni. Giorgi sta collaborando con gli inquirenti belgi.

Media: parte dei soldi di Panzeri e Kaili emessa in Belgio. Una parte dei contanti trovati dalla polizia nelle case di Panzeri e Kaili, oltre che nelle borse che aveva il padre dell’eurodeputata ellenica, sono stati emessi in Belgio, secondo quanto riporta il quotidiano belga L’Echo. Quest’aspetto potrebbe consentire un progresso ulteriori nelle indagini della Procura. Come ricorda la stessa stampa belga “conoscendo il luogo di emissione, sarà facile individuare la banca in cui sono state prelevate le
mazzette, e quindi il conto corrente e l’identità della persona che ha effettuato il prelievo”.

Francesco Giorgi ha parlato con gli inquirenti. Nei primi interrogatori effettuati dall’Ufficio Centrale per la repressione della corruzione, uno delle quattro persone imputate per il caso Qatargate ha parlato a lungo con gli inquirenti belgi. Secondo fonti informate si tratterebbe di Francesco Giorgi, compagno dell’ex vicepresidente dell’Eurocamera Eva Kaili. La Procura belga, interpellata a riguardo, non ha smentito la ricostruzione. Secondo la stampa belga – che non cita nome e cognome – una delle quattro persone interrogate avrebbe fatto il nome dell’eurodeputato socialista Marc Tarabella.

Ammonta ad oltre un milione e mezzo di euro il totale delle banconote trovate dalla polizia belga nel corso delle perquisizioni alle abitazioni di Antonio Panzeri e dell’ex vicepresidente dell’Eurocamera Eva Kaili, entrambi agli arresti per il Qatargate. Nel domicilio di Kaili viveva anche Francesco Giorgi, anche lui agli arresti. E’ quanto riportano i media belgi citando la polizia federale. Il computo comprende anche i contanti trovati nella valigia che il padre di Kaili aveva con sé mentre stava lasciando un albergo di Bruxelles. La polizia federale belga, nel frattempo, ha diffuso una foto dei contanti ritrovati a casa di Panzeri, nell’abitazione di Kaili e nelle borse che aveva il padre dell’eurodeputata greca al momento dell’arresto.

L’ex vicepresidente dell’Eurocamera è stata trasportata nelle scorse ore nel carcere di Haren, alla periferia nord-orientale di Bruxelles, secondo quanto si apprende dalla procura federale belga. Il carcere di Haren è stato completato nei mesi scorsi e tra i suoi ospiti annovera Salah Abdeslam, l’unico sopravvissuto del commando dei terroristi dell’attentato al Bataclan. La procura belga, interpellata a riguardo, non ha voluto confermare se anche gli altri tre agli arresti – Panzeri, Francesco Giorgi, Niccolò Figà-Talamanca – si trovino nella stessa struttura. Tutti e quattro domani sono attesi per la prima udienza preliminare sul Qatargate.

Il Parlamento europeo ha approvato la destituzione dalla carica di vicepresidente del Pe di Kaili proprio stamane. L’aula ha votato sì con la maggioranza di oltre due terzi (625 voti), come previsto dal Parlamento. Un solo contrario e due astenuti. Il voto si è svolto per appello nominale sotto richiesta dei gruppi S&d, The Left e Id, fanno sapere dagli uffici del Parlamento europeo. All’analisi dei voti risulta che a votare contro sia stato Mislav Kolakušić, croato dei non iscritti. Si sono invece astenuti l’olandese di Ecr, Dorien Rookmaker, e il tedesco di Id, Joachim Kuhs.

La conferenza dei presidenti del Pe, in mattinata aveva scelto di attivare l’articolo 21 del regolamento dell’Eurocamera per rimuoverla dalla carica. A comunicarlo era stato l’ufficio di presidenza dell’Eurocamera dopo una riunione che si è estesa ben oltre le aspettative rimandando il lavori della plenaria stessa.

Intanto gli uffici dell’assistente dell’eurodeputato Pietro Bartolo all’Eurocamera di Strasburgo sono stati posti sotto sigillo, come ha constatato l’ANSA.

In uno statement rilasciato dall’Ituc, Confederazione internazionale deri sindacati, il segretario generale Luca Visentini si è detto intanto “lieto” che l’interrogatorio si sia concluso e che, ha sostenuto, “io abbia potuto rispondere pienamente a tutte le domande. Se dovessero essere formulate ulteriori accuse, non vedo l’ora di avere l’opportunità di confutarle, poiché sono innocente di qualsiasi illecito. Qualsiasi forma di corruzione è assolutamente inaccettabile e sono assolutamente impegnato nella lotta alla corruzione”. L’Ituc respinge come “totalmente false” l’accuse di un’influenza del Qatar sul sindacato. (ANSA)

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca