25.6 C
Camerota
mercoledì, Luglio 17, 2024
spot_img

Pisciotta, relitto di epoca romana rinvenuto sul fondale: recuperate centinaia di anfore

Turismo

Pisciotta, relitto di epoca romana rinvenuto sul fondale: recuperate centinaia di anfore

Centinaia d’anfore – probabilmente romane – sono state individuate su un relitto sul fondale marino, a 152 metri di profondità nel tratto di mare di fronte al territorio del comune di Pisciotta, in provincia di Salerno.

L’area marina – come riporta il sito web stilearte.it – è stata interdetta. L’operazione di individuazione è stata compiuta dalla Guardia Costiera di Palinuro con i Carabinieri Subacquei Napoli. Le ricerche si sono protratte per quattro giorni. L’imbarcazione è lunga 12 metri e larga 8.

La Soprintendenza Archeologica delle Belle Arti e Paesaggio per le province di Salerno e Avellino ha emesso un provvedimento di interdizione dell’area marina con il fine di proteggere il sito archeologico.

Il Comandante della Guardia Costiera di Palinuro ha emesso un’ulteriore provvedimento che vieta l’ancoraggio, la sosta, la pesca, le immersioni subacquee e qualsiasi altra attività che possa arrecare danni al relitto.

L’area marina doveva essere battuta commercialmente e doveva presentare diverse insidie poiché segnalazioni di altri relitti sono state inoltrate da pescatori e da parte di sub.

Le anfore potevano essere adibite al trasporto di vino e di olio che venivano copiosamente prodotte, anche in quell’epoca, nella zona. Le navi mercantili erano particolarmente esposte ai naufragi, in caso di tempesta, anche a causa del peso o del possibile spostamento delle merci provocato dei marosi e del vento.

Il peso di queste barche cariche rallentava anche le operazioni per il raggiungimento di un porto vicino.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca