17.3 C
Camerota
lunedì, Maggio 27, 2024
spot_img

Droga, proposta choc sindaca Amsterdam: “Venderla in farmacia”

Turismo

Droga, proposta choc sindaca Amsterdam: “Venderla in farmacia”

L’unico modo per combattere il traffico di droga e le sue conseguenze disastrose sull’economia e la sicurezza” di Amsterdam “è la vendita della cocaina e dell’ecstasy nelle farmacie o attraverso un canale medico-sanitario”. E’ la proposta shock che arriva dalla sindaca di Amsterdam, Femke Halsema.

Durante un’intervista la prima cittadina, 57 anni, in carica dal 2018, ha inquadrato il problema della lotta al traffico di droga che vede Amsterdam e l’Olanda come crocevia internazionale lamentando la mancanza nel Paese di una discussione “più pragmatica o economica e non solo moralista” sulle droghe.

“Penso che alcune droghe siano pericolose e penso anche che sia saggio ridurne l’uso. Ma noto anche – ha precisato – che il modo in cui lo facciamo non aiuta. Dobbiamo pensare a modi migliori per regolamentarle“.

Farmacie: “Idea sindaca olandese originale ma sbagliata”

“La proposta della sindaca di Amsterdam” sulla vendita delle droghe in farmacia “è quantomeno originale ma soprattutto sbagliata”. E’ quanto dice all’Adnkronos Salute Roberto Tobia, segretario di Federfarma nazionale. “E non tutto quello che arriva dall’Europa è corretto. Le farmacie fanno altro, ad esempio con la cannabis terapeutica si occupano di terapie del dolore per alleviare le sofferenze dei pazienti con patologie molto pesanti”.

“Sono un centinaio le farmacie in grado di lavorare la cannabis terapeutica per la terapia del dolore – spiega Tobia -. Ma negli ultimi anni è cambiata la normativa per la distribuzione. Nel 2017 gli esercizi che si occupano di questo settore potevano somministrare la cannabis terapeutica attraverso il sistema dei rimborsi con il Ssn. Nel 2018 la normativa è cambiata e si sono scelte solo alcune indicazioni terapeutiche, dalla Sclerosi multipla alle lesioni del midollo. C’è però un grosso problema – avverte Tobia – relativo alla disponibilità in Italia della materia prima. Ogni anno la richiesta è di circa 2.900 chili, dell’importazione se ne occupa lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze anche attraverso l’Olanda, tanto per tornare sul tema. Ma – continua – ogni anno rimane un ‘gap’ tra quello che arriva e le richieste, a cui si è riusciti a ottemperare grazie all’autorizzazione del ministero della Salute che si è rivolto ad altri paesi come il Canada. Ma non basta”.

Il 26 maggio si celebra la XXIII Giornata nazionale del sollievo, le farmacie “partecipano attivamente e sono pronte a fare la nostra parte, a dare supporto per colmare questo gap e collaborare – conclude Tobia – nell’aiutare i pazienti che hanno necessità della cannabis terapeutica”.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca