20.1 C
Camerota
sabato, Giugno 15, 2024
spot_img

Concessioni demaniali, la stangata: aumenti del 25%, insorgono i sindacati

Turismo

Concessioni demaniali, la stangata: aumenti del 25%, insorgono i sindacati

Un aumento dei canoni delle concessioni demaniali di 25 punti percentuali. Quest’anno la spesa demaniale minimo ammonterà a 3mila e 300 euro. Un rincaro di oltre mille euro in due anni. Insorgono le sigle sindacali. La direttiva Bolkestein e le prospettive.

Quest’anno i canoni delle concessioni demaniali marittime saranno più alti del 25 percento, come reso noto dal Ministero delle Infrastrutture. L’aumento viene calcolato facendo la media sul paniere Istat tra i prezzi all’ingrosso e i prezzi al dettaglio del 2022.

Sul piede di guerra le associazioni di categoria: “Meloni mantenga le promesse della campagna elettorale – sbotta Maurizio Rustignoli, presidente di Fiba Confesercenti -. L’aumento sarebbe dovuto essere massimo dell’11%. Entro febbraio, poi, vanno approvati i decreti attuativi sulla concorrenza per le gare dal 2024, che per noi non sono possibili: il governo cosa farà? Meloni diceva che avrebbe lavorato per una diversa applicazione della Bolkestein“, ha aggiunto.

Fiba Confesercenti chiederà, dunque, la revoca del provvedimento e la sua sospensione, “In attesa di un opportuno e doveroso riordino dei criteri di determinazione dei canoni che li renda giusti ed economicamente sopportabili“, annunciano da Sib-Confcommercio e Fiba-Confesercenti.

DIRETTIVA BOLKESTEIN – La Camera dei deputati ha approvato a luglio il disegno di legge sulla concorrenza, che all’articolo 3 introduce le gare per le concessioni balneari entro il 2024.

È una svolta epocale per la gestione delle spiagge italiane, dopo oltre vent’anni di rinnovi automatici. Si passerà alle gare pubbliche, come previsto dalla direttiva europea Bolkestein a cui l’Italia non si era ancora adeguata.

In aiuto agli attuali gestori c’è il riconoscimento di un punteggio bonus in fase di gara per chi dimostra esperienza professionale nel settore e per chi ha avuto l’attività balneare come reddito prevalente negli ultimi cinque anni. (AMALFI NOTIZIE)

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca