21 C
Camerota
giovedì, Giugno 13, 2024
spot_img

Vertenza rifiuti a Capaccio Paestum. Il Comune non paga i canoni alla Sarim e la società minaccia di non liquidare lo stipendio ai dipendenti

Turismo

Vertenza rifiuti a Capaccio Paestum. Il Comune da un anno non paga i canoni alla Sarim e la società minaccia di non liquidare lo stipendio ai dipendenti il prossimo 15 gennaio. La denuncia della Csa Fiadel provinciale: “Pronti a proclamare lo stato d’agitazione”

La situazione nella città di Capaccio Paestum si fa sempre più tesa a seguito del mancato pagamento dei canoni dovuti alla Sarim, l’azienda responsabile dell’appalto comunale per la raccolta dei rifiuti. Attualmente, il Comune è inadempiente al versamento dei canoni in favore della ditta appaltatrice da quasi un anno e la Sarim con difficoltà ha pagato, seppur con ritardo, le maestranze.

La società ha spiegato che il prossimo 15 gennaio non anticiperà gli stipendi ai lavoratori come fatto nei mesi precedenti perché impossibilitata a farlo.

La Fiadel Salerno Sud ha chiesto un incontro sia ai vertici del Comune di Capaccio Paestum che al management dell’azienda, ma nessuna risposta è pervenuta all’invito del sindacato. I dipendenti, insieme ai propri rappresentanti, stanno ora cercando di far valere i loro diritti e affrontare la crisi economica che li ha colpiti in modo così improvviso.

Il segretario generale della Csa Fiadel Salerno, Angelo Rispoli, segue il caso in prima linea insieme a Davide Sapere, responsabile della Csa Fiadel Salerno Sud: “Questa crisi finanziaria non solo continua a mettere a rischio la stabilità economica dei lavoratori, ma ha anche un impatto diretto sulle loro condizioni psicologiche e sul benessere delle loro famiglie. È un momento difficile, e la Csa Fiadel Salerno farà tutto il possibile per sostenere i lavoratori in questa fase complicata. Siamo pronti a proclamare lo stato d’agitazione”.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca