20.1 C
Camerota
sabato, Giugno 15, 2024
spot_img

Social card 2024 da 460 euro per 1,4 milioni di italiani. La somma sarà erogata in un’unica tranche

Turismo

Social card 2024 da 460 euro per 1,4 milioni di italiani. La somma sarà erogata in un’unica tranche

Dovrebbero salire a 1,4 milioni i beneficiari della nuova social card Dedicata a te 2024 da 460 euro: una carta risparmio per la quale non serve alcuna domanda, visto che ci penseranno direttamente Inps e Comuni. Infatti l’Istituto valuterà la rispondenza ai criteri di reddito e di anagrafe mentre i Comuni contatteranno gli aventi diritto per il ritiro presso gli uffici postali. I 460 euro saranno erogati in un’unica tranche e potranno essere spesi in alimenti, beni di prima necessità, ma anche carburante e abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale. Restano escluse bibite zuccherate e marmellate oltre agli alcolici di ogni tipo. I fondi inoltre non potranno essere utilizzati per acquistare medicinali da banco e prodotti per l’igiene personale.

Il costo per le casse pubbliche si aggira sui 600 milioni di euro cui si aggiungono 50 milioni ‘avanzati’ dallo stanziamento dello scorso anno.

I requisiti

I criteri per l’assegnazione del beneficio sono un Isee inferiore a 15mila euro; l’iscrizione all’Anagrafe della popolazione residente comunale e almeno un figlio.

Tuttavia è escluso dalla social card chi fosse già destinatario di un altro tipo di sussidio statale, dall’assegno di disoccupazione all’indennità di mobilità, dalla cassa integrazione all’assegno di inclusione. Nell’assegnazione del beneficio la precedenza sarà data a famiglie con figli più piccoli. Gli acquisti potranno essere fatti nei negozi che aderiscono all’iniziativa, che potranno anche applicare uno sconto del 15% sui prodotti comprati con la card.

Non è ancora chiaro infine se ci sarà un limite temporale per l’utilizzo della somma, con un tetto di due mesi per effettuare il primo acquisto.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca