17.3 C
Camerota
lunedì, Maggio 27, 2024
spot_img

Pesca illegale nel Cilento. Guardia Costiera sequestra attrezzature e 80 chili di pesce

Turismo

Pesca illegale nel Cilento. Guardia Costiera sequestra attrezzature e 80 chili di pesce

Una vasta operazione, finalizzata al contrasto delle attività illecite in materia di pesca, é
stata condotta negli scorsi giorni su tutto il territorio regionale dal personale della
Guardia Costiera coordinato dal 4° Centro Controllo Area Pesca della Direzione
Marittima di Napoli.

I controlli hanno interessato anche il Circondario Marittimo di Palinuro – che
comprende i Comuni da Pisciotta a Sapri – al fine di verificare il rispetto della
normativa in materia di etichettatura e tracciabilità dei prodotti della pesca, delle loro
taglie minime e delle norme tecniche sugli attrezzi da pesca.

Le attività condotte in mare dai mezzi nautici minori hanno portato al sequestro di 8
FAD (cosiddetti “cannizzi”) e 2 palangari illegali rispettivamente di circa 3300m e 3600
metri nelle acque antistanti il Comune di Camerota.

Un ulteriore palangaro non consentito di circa 1000 metri é stato rinvenuto e
sequestrato anche nel Golfo di Policastro.

Tali attrezzi, utilizzati illecitamente da pescatori non professionali, oltre a
rappresentare un serio pericolo per la navigazione, in quanto sprovvisti dei previsti
segnalamenti, e per l’ambiente marino per il quantitativo di nylon e altro materiale
plastico di cui sono costituiti, mettono a rischio la sopravvivenza di molte specie che vi
rimangono intrappolate accidentalmente come i 15 esemplari di pesce spada nel loro
stato novello ancora vivi liberati in mare dai militari proprio mentre salpavano a bordo
gli oltre 7000 metri di nylon e 600 ami.

A ciò si aggiungono i 5 i veicoli controllati su strada, le 7 unità ispezionate in mare gli
esercizi commerciali della piccola distribuzione finite nel mirino dei militari che hanno
elevato sanzioni amministrative per un totale di 5000 euro carico dei titolari di 2
pescherie nel Comune di Vallo della Lucania e di 1 ristoratore nella frazione di Scario.

All’interno dei propri locali detenevano, infatti, circa 80 kg di pescato – in gran parte
congelato – privo della documentazione attestante la provenienza come previsto dalla
normativa vigente a tutela del consumatore. L’intero quantitativo é stato pertanto
posto sotto sequestro in attesa dell’ispezione del personale veterinario della
competente USL di Salerno.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca