12.3 C
Camerota
domenica, Novembre 27, 2022
spot_img

Il vino, momento culturale e consumo responsabile

Turismo

Il vino, momento culturale e consumo responsabile

Il vino è parte di una cultura antica, di gran lunga precedente a quella degli antichi romani, un composto di elementi che coinvolge ere, popoli e società. Dionisio, dio greco del vino, rappresentava già nell’antica Grecia le virtù sociali e benefiche del nettare di Bacco, nonché la piacevolezza e il godimento spirituale. La vinificazione apparve in Europa con l’espansione dell’Impero romano, quando nel Mediterraneo si formarono regioni vitivinicole tutt’oggi ancora esistenti. Con il trascorrere dei secoli, l’arte della vinificazione si diffuse in Francia, Spagna, Germania. Parte integrante del rito religioso cattolico – il vino è da sempre di fondamentale importanza nel rito della messa, durante la benedizione, dove assume un ruolo unico -, era tuttavia considerato anche un elemento importante dell’alimentazione quotidiana. La vinificazione diviene una pratica minuziosa svolta nei monasteri di tutto il continente grazie ai quali si svilupparono nuove tecniche di coltivazione e diverse varietà di uva, che diedero vita ad alcuni dei più pregiati vigneti europei. I monaci benedettini furono fra i maggiori produttori europei di vino, con vigneti nelle regioni francesi di ChampagneBorgogna e Bordeaux, così come nelle regioni tedesche del Rheingau e Franconia. Considerato nei secoli passati prodotto misterioso – solo con Pasteur si svelerà il fenomeno della fermentazione -, negli ultimi 150 anni, vino e vitivinicoltura sono stati completamente rivoluzionati come scienza e come arte. Il controllo delle temperature nel processo di fermentazione, le cantine refrigerate, un’adeguata crescita tecnologica, stanno favorendo una produzione di altissima qualità capace di preservare i caratteri varietali di ogni singola bacca. Il fatto che il vino sia così apprezzato in epoca moderna rende omaggio all’arte senza tempo della vinificazione e dimostra l’importanza del vino per la storia e la diversità della cultura europea.

Educarsi al vino

Il vino è, da sempre, parte integrante della nostra alimentazione, delle nostre tradizioni e della nostra vita. Valido alleato alla dieta Mediterranea, oggi è considerato non più solo un alimento, ma acquisisce un valore sociale, in un contesto culturale e conviviale vissuto all’insegna di uno stile di vita sano. La moderazione nei confronti dell’alcol rimane un atteggiamento fondamentale; bevuto in dosi moderate può portare ad influssi benefici per l’organismo, stimolare l’appetito, favorire la digestione, produrre un piacevole senso di relax. Bevanda preferita nelle occasioni quotidiane, è considerato anche un potente antiossidante e in piccole quantità capace di proteggere dal colesterolo, prevenire malattie cardiovascolari e metaboliche, migliorare la circolazione del sangue grazie a polifenoli, tannini e resveratrolo. Bere vino non è solo uno status, è vivere l’aspetto culturale di un prodotto di cui c’è consapevole conoscenza delle sue peculiarità.
Adnkronos – Vendemmie

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca

Shares