11.5 C
Camerota
sabato, Febbraio 4, 2023
spot_img

FIBA Campania: Bolkestein, UE e Governo Italiano bene avvio interlocuzione.

Turismo

FIBA Campania: Bolkestein, UE e Governo Italiano bene avvio interlocuzione.

Ricomincia l’iter politico amministrativo in ambito europeo da parte del Governo Italiano ed è un bene per il settore demaniale marittimo nostrano che da troppo tempo aspetta una “riforma” che tenga nella giusta considerazione le ragioni di chi ha investito una vita intera nella propria azienda, spesso a carattere familiare, per poi essere travolta da direttive e norme spesso inspiegabili e paradossali che hanno messo in ginocchio un sistema collaudato, stabile e  trainante del turismo italiano peculiarità indiscussa del made in Italy.

Destano però preoccupazioni le recenti dichiarazioni del deputato Foti su una possibile “resa” in ambito U.E. per quanto riguarda il nodo concessioni demaniali marittime, cavallo di battaglia delle recenti elezioni politiche proprio del partito guidato dalla leader Giorgia Meloni,  all’epoca unica forza di opposizione al governo, ed oggi ampiamente e saldamente al comando del timone Italia anche per una compatta fiducia proprio del comparto balneare italiano che ha scelto la linea, da sempre prodigata dal partito di maggioranza, della tutela ad ogni costo in ambito nazionale e sovranazionale degli attuali imprenditori balneari.

Siamo certi, dichiara il presidente di Fiba Campania Raffaele Esposito, che l’azione di tutela verbale da sempre portata avanti dall’attuale partito di maggioranza di governo italiano si trasformerà presto in azioni concrete sia in ambito nazionale per la emanazione dei decreti attuativi collegati alla legge “Draghi” la 118 del Luglio scorso ampiamente criticata da tutte le sigle sindacali, sia in ambito Europeo.

È proprio qui che bisognerà con la forza della politica e delle ragioni “culturali” prosegue il presidente Esposito tutelare le ragioni da sempre ipotizzate dall’attuale Governo, nessun balneare si aspetta a questo punto una azione morbida o addirittura remissiva, sarebbe un assurdo ed incomprensibile paradosso, intere categorie e non solo quella dei balneari si aspettano una importante e decisiva “rivalsa” delle ragioni giurisprudenziali fin qui sempre sostenute.

Siamo spettatori interessati ed attenti conclude il presidente Esposito e la più grande iniezione di fiducia viene proprio dalla leader di Governo On. Giorgia Meloni che ha da sempre sostenuto con forza e con idee concrete l’azione di tutela per gli attuali concessionari ed imprenditori balneari italiani.

Siamo certi che non deluderà le grandi aspettative del comparto balenare italiano che confidano, anche in una eventuale ottica di riforma, la conservazione, la valorizzazione e la tutela del proprio “posto di lavoro”.

 

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca