21 C
Camerota
giovedì, Giugno 13, 2024
spot_img

Emergenza peste suina nel Diano e Cilento, il vescovo: “Sinergia per soluzioni rapide”

Turismo

Emergenza peste suina nel Diano e Cilento, il vescovo: “Sinergia per soluzioni rapide”

«Alla luce degli ultimi accadimenti inerenti l’emergenza della Peste Suina Africana sul territorio della nostra Diocesi di Teggiano-Policastro, intendo prima di tutto esprimere la mia vicinanza e la mia solidarietà alle istituzioni e agli allevatori.

Insieme ai Parroci avverto il bisogno di esprimere solidarietà e chiedere attenzione in questo momento certamente difficile per alcune nostre comunità».  E’ quanto scrive, in un comunicato stampa, monsignor Antonio De Luca, Vescovo di Teggiano-Policastro.

«Apprendo dagli organi di stampa, ma anche dalle notizie giuntemi da parte di amministratori e di numerosi cittadini, che l’infezione che colpisce suini domestici e selvatici ha compromesso e sta compromettendo una fetta importante della nostra economia.

Dal rinvenimento di carcasse infette a maggio scorso nell’area della Cerreta Cognole si è arrivati all’istituzione della zona rossa comprendende ben 17 comuni: Buonabitacolo, Casalbuono, Casaletto Spartano, Caselle in Pittari, Montesano sulla Marcellana, Monte San Giacomo, Morigerati, Padula, Piaggine, Rofrano, Sala Consilina, Sassano, Sanza, Teggiano, Torraca, Tortorella e Valle dell’Angelo.

A causa di questa malattia infettiva, non trasmissibile all’uomo, si dovrà procedere alla macellazione dei suini sia da allevamento che domestici. Sul nostro territorio sono oltre 8.800 capi: numeri che testimoniano l’importanza e la portata economica delle aziende suinicole».

«Auspico – continua il vescovo di Teggiano-Policastro – che la sinergia e la collaborazione delle Istituzioni – il Commissariato nazionale alla PSA, la Regione Campania, l’Ente Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, i Comuni interessati, l’Asl di Salerno – portino a dei risultati celeri al fine di bloccare, eradicare l’infezione ed evitare che possa coinvolgere altri territori limitrofi.

Raccolgo le preoccupazioni legittime dell’intero settore e della filiera suinicola e auspico che quanto prima sia le aziende che i privati cittadini possano essere sostenuti con i giusti indennizzi.

Non meno preoccupazione desta il settore turistico altresì coinvolto dalle misure di contenimento; abbiamo assistito alla cancellazione di alcune manifestazioni all’aria aperta in montagna, pellegrinaggi ed eventi legati alla tradizione delle comunità».

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca