20 C
Camerota
venerdì, Giugno 14, 2024
spot_img

Arriva il vero inverno, temperature in calo e neve in pianura: Maltempo al Centro-Sud, mentre al Nord previsto il curioso effetto ‘Neve da Stau’

Turismo

Arriva il vero inverno, temperature in calo e neve in pianura: le previsioni meteo

Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, prevede l’ingresso di aria fredda di lontana origine artica russa; questa massa d’aria riuscirà, nel giro di 24-36 ore, a portare un calo delle temperature di almeno 5-7 gradi sia nei valori minimi che nei valori massimi. Sarà pieno inverno, un inverno comunque da Riscaldamento Globale, quindi senza temperature eccezionali o siberiane; ma comunque farà freddo.

Già dalle prossime ore l’aria polare invaderà il nostro Paese da Nord-Est; in Europa la massa d’aria gelida ha già portato i suoi effetti dalla Germania ai Balcani, fino ovviamente alla Scandinavia e alla Russia: in pieno giorno le temperature ‘massime’ hanno oscillato dai -5°C di Berlino e Copenaghen ai -4°C con neve di Vienna, dai -1°C di Parigi, Belgrado e Sarajevo fino ai -10°C di Cracovia e Varsavia o i -15°C di Minsk in Bielorussia; punte ancora più gelide a mezzogiorno sono state registrate a Vilnius in Lituania (-17°C) e in Russia (-18°C a Mosca). Stiamo parlando delle temperature massime, non delle minime!

Questo freddo dilagherà, in parte, anche verso il nostro Paese: almeno fino a venerdì le temperature minime scenderanno spesso sotto lo zero anche in pianura; le massime al Nord faticheranno a superare i 3-4°C. Dal punto di vista delle precipitazioni, avremo una settimana di maltempo al Centro-Sud, mentre al Nord previsto il curioso effetto ‘Neve da Stau’.

La parola ‘Stau’, in tedesco, significa addensamento: in Germania si trova questo termine anche nei cartelli elettronici autostradali quando c’è una coda, un intasamento di auto; ebbene si prospetta neve da Stau (addensamento) sul Piemonte con venti orientali che spingeranno l’umidità verso le Alpi. Queste masse d’aria umide, costrette ad addensarsi nel vicolo cieco della Pianura Padana occidentale, si solleveranno e daranno luogo a nevicate a bassa quota sul Piemonte; marginalmente, nella prossima notte l’effetto Stau potrebbe estendersi anche a Lombardia settentrionale e versante padano della Liguria.

Al di là della ‘Neve da Stau’, le precipitazioni più significative colpiranno nei prossimi giorni il Centro-Sud con varie perturbazioni in arrivo dal Mediterraneo occidentale: sono attese piogge più diffuse sul versante tirrenico tra mercoledì e venerdì, con quota neve di alta collina.

In sintesi troveremo, nelle prossime ore, ancora tanto vento al Sud e residui fenomeni tra Puglia e Sicilia; al Nord arriverà la Neve da Stau, con il freddo che dilagherà su tutta l’Italia per gran parte della settimana. Gli ingredienti di questa fase invernale sono numerosi: prestate soprattutto attenzione alle mareggiate al Sud, alla Neve da Stau al Nord ed infine alle gelate notturne diffuse su gran parte del Paese; per non farci mancare niente, probabilmente da venerdì ritroveremo anche la nebbia fitta in val Padana. Benvenuto Inverno!

NEL DETTAGLIO

Mercoledì 10. Al nord: cielo irregolarmente nuvoloso, gelate notturne. Al centro: nuvoloso; isolate precipitazioni sui rilievi, peggiora in Sardegna; locali gelate notturne. Al sud: piogge su Sicilia e poi in Calabria, forti la notte.

Giovedì 11. Al nord: sereno sul Triveneto, tante nubi altrove. Al centro: precipitazioni tra Lazio e Molise; neve oltre i 6-700 metri. Gelate in collina. Al sud: piogge sparse, neve oltre i 900 metri.

Tendenza: stabile con nebbie notturne al Nord, ancora instabile al Centro-Sud. Freddo con gelate notturne.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca