Sanza, ultimo appuntamento dell’estate 2021 con la kermesse: “Identità Mediterranee”

Sanza (SA) – Quarto ed ultimo appuntamento per l’estate 2021 di Identità Mediterranee, in piazza Cavour a Sanza, martedì 31 agosto. Un appuntamento di grande spessore per chiudere la kermesse che ha portato in piazza grandi talenti della musica e belle storie da raccontare attraverso il protagonismo dei libri e dei suoi autori. Si è parlato di migrazioni ed Afghanistan; poi la serata dedicata alle radici; quindi di giovani sogni e speranze. Martedì la sarà la volta de “il viaggio”. Un viaggio dell’anima e del cuore; un viaggio assoluto nella bellezza dei luoghi e nella passione di un camminatore solitario. Martedì prossimo, martedì 31 agosto a Sanza arriverà il giornalista Luca Maurelli con il libro inchiesta: Io vedo il mare. La vera storia di Simon Gautier che si smarrì con Dostoevskij su un sentiero del Cilento. Sarà anche l’occasione per il concerto di fine estate proposto dal maestro Pino Pinto. Un libro inchiesta con la prefazione di Giuliano Ferrara, giornalista, fondatore de «Il Foglio» e le conclusioni affidate a Massimiliano Gallo, giornalista, editore e direttore de «Il Napolista». Un libro assolutamente bello; intenso e commovente.
<< Francesca, che cosa ricordi di lui? “Era molto bello, sereno, rilassato, felice”. Tu l’hai visto la sera prima che morisse: che faceva? “Si godeva la solitudine guardando lontano, verso il mare. Immaginare che il giorno dopo non ci fosse più fa male, malissimo. Era mio coetaneo, aveva la mia stessa passione, camminare nella natura…”.
Francesca Paradiso, 27 anni, aveva incrociato il francese in spiaggia, quell’8 agosto del 2019, verso le 18, nelle sue ultime ore di vita. Vicino alla grotta della Molara un giovane uomo si preparava a trascorrere la notte mentre davanti a lui un gruppo di ragazzi si schizzava l’acqua e rideva e giocava e lo osservava da lontano. Nel cognome di questa ragazza magra e timida che studia Medicina c’è il destino di un incontro fatale, per chi crede in Dio, e il rimpianto di un momento, per chi confida nel Destino. Francesca, originaria di San Giovanni a Piro, studia a Milano ma torna in estate a trascorrere le vacanze da queste parti, trovando anche modo di lavorare nei ristoranti e negli agriturismo della zona. Accadde così anche in quell’agosto del 2019, quello dell’incontro con Simon, bello, inutile, doloroso >>.
Si chiuderà in questo modo l’iniziativa che ha caratterizzato l’estate culturale a Sanza. Luca Maurelli, 52 anni, nato a Napoli ma vive e lavora a Roma. Laureato in Scienze politiche, giornalista professionista, ha lavorato per il Roma, il Tempo, Reuters, Borsa e Finanza, Tg 2 economia, LiberoMercato. Attualmente redattore del settore politico al Secolo d’italia. A dialogare con Luca Maurelli ci saranno il vicesindaco di Sanza, Toni Lettieri; il giornalista e scrittore Angelo Raffaele Marmo, vice-direttore della redazione romana de il Quotidiano nazionale; il giornalista e scrittore Lorenzo Peluso; il sindaco di Sanza, Vittorio Esposito. Le letture e gli spunti di riflessione saranno proposte dalla prof.ssa Marisa Vitolo. La serata sarà conclusa dalle note del concerto “viaggio nei ’60 e nella tradizione napoletana” del maestro Pino Pinto accompagnato da prestigiosi musicisti.
Appuntamento, martedì 31 agosto, ore 21.00 piazza Cavour, Sanza (SA).

Vedi anche

L’Associazione Tuttinsieme annuncia la quinta edizione del “Premio Inula”

Autori da tutta Italia a Marina di Camerota per il Premio Inula, la premiazione si …

A Sanza un sistema QR code istallato lungo gli itinerari ed i percorsi culturali.

Scoprire gli angoli più interessanti ed i monumenti più importanti del borgo grazie ad un …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta