Home / Cronaca / Rofrano, siti porno sul computer, condannato il Sindaco Cammarano: “Non si aprono da soli”

Rofrano, siti porno sul computer, condannato il Sindaco Cammarano: “Non si aprono da soli”

I siti porno non si aprono da soli. E’ questo, in sintesi, il motivo per cui il tribunale di Vallo della Lucania ha condannato, in primo grado, lo scorso mese di luglio, ad un anno di reclusione il sindaco di Rofrano Nicola Cammarano.Le motivazioni della sentenza – riporta Il Mattino – sono state pubblicate nei giorni scorsi. “Risulta senz’altro singolare e pertanto non credibile che da una navigazione su comuni siti porno possano aprirsi del tutto involontariamente e così agevolmente oltre 500 siti di natura pedopornografica e che altrettanto casualmente sia confluito sul computer dell’imputato un files contente circa 800 immagini di carattere pedopornografico” spiega il giudice, per il quale “non vi è alcun dubbio che il Cammarano abbia consapevolmente scaricato e detenuto il materiale confluito nella cartella denominata video6”. La stessa che, nel corso di un controllo fiscale, venne ritrovata dalla Guardia di Finanza.
Non solo. Ma – si legge nelle motivazioni – “i dati esposti durante il dibattimento convergono tutti verso una consapevole condotta di scarico del materiale pedopornografico, l’imputato poi successivamente all’attività di download ha consapevolmente detenuto il materiale”. Infine viene sottolineato che “l’imputato abbia aperto tali foto lo si desume anche da quanto riportato dal perito. Non solo le immagini sono state visualizzate da Cammarano ma vi sono anche sicuri indici del contenuto pedopornografico dei files rinvenuti in ingente quantità, da qui l’aggravante, come ad esempio la “inequivoca denominazione delle varie cartelle che appare a video all’apertura del file zippato e che di certo non è potuta passare inosservata all’imputato”. Il sindaco Cammarano è pronto a presentare ricorso in Appello. (Salernotoday)

Vedi anche

Scafati, L’ex Sindaco Aliberti torna libero e si sfoga: “In carcere ho pregato per chi mi ha ferito”

Dopo la decisione del tribunale di Nocera Inferiore di concedergli la libertà con divieto di dimora a Scafati e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta