Home / Cronaca / Regione Campania, tumori ereditari: indagini genetiche gratuite per pazienti

Regione Campania, tumori ereditari: indagini genetiche gratuite per pazienti

La Regione Campania firma un decreto per i tumori ereditari di ovaio, mammella e colon. L’impegno, il governatore Vincenzo De Luca, lo aveva preso il 27 settembre scorso al Pascale, durante la Notte della Ricerca. Un impegno che, dopo due mesi, diventa una promessa mantenuta. La Regione Campania ha approvato il piano attuativo per i tumori ereditari di ovaio mammella e colon, che, in concreto, vuol dire: indagini genetiche gratuite per pazienti affetti da tumore ovarico, al seno e al colon e per i loro familiari. Un decreto che vale tante vite e che va ad aggiungersi ai tanti impegni già assunti nell’ultimo anno dall’Ente di via Santa Lucia: i 140 milioni investiti sulla ricerca del cancro con un lavoro di coordinamento con il Pascale, altri 40 per dotare il polo oncologico partenopeo della Protonterapia, il trattamento radioterapico più avanzato e presente in Italia soltanto in altre due strutture, le terapie gratuite per il melanoma metastatico. Un decreto, quest’ultimo, che è un invito concreto a fare prevenzione. I dati emersi dall’ultima indagine del Ministero della Salute condannano, infatti,il sud ai primi posti per numero di morti di tumori nonostante una diminuzione dei casi, segno che qui si arriva tardi ad individuare la malattia.
“E, infatti, il primo obiettivo di questo piano – sottolinea il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi – è proprio la riduzione dell’incidenza e della mortalità per tumori ereditari mediante una organizzazione ottimale dei percorsi di diagnostica oncogenetica”.
Il documento sui tumori ereditari definisce in dettaglio le modalità di attuazione del percorso-diagnostico-terapeutico-assistenziale delle neoplasie  eredo-familiari già approvato un anno fa con un piano operativo volto ad identificare i casi ereditari di tumore di ovaio mammella e colon incidenti ogni anno nella regione, valutando le famiglie campane, da sottoporre a screening, allo scopo di identificare soggetti sani, ma ad alto rischio di sviluppare tumori e che necessitano di sorveglianza e prevenzione. (Voce di Strada)

Vedi anche

Bufera sull’autovelox di Agropoli. “Il Comune va commissariato”

Non bastava l’iniziativa del senatore del Movimento 5 Stelle Francesco Castiello di presentare una interrogazione …

Antimafia, relazione della DIA. Cilento e Vallo di Diano scelti per investimenti della criminalità

La Direzione Investigativa Antimafia ha presentato in Parlamento la relazione relativa al primo semestre del 2019 in cui viene …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta