Ultime Notizie
Home / Ambiente / Piani di gestione dei siti della rete Natura 2000, la Regione destina circa 2 milioni al Parco del Cilento,Diano e Alburni

Piani di gestione dei siti della rete Natura 2000, la Regione destina circa 2 milioni al Parco del Cilento,Diano e Alburni

NAPOLI. Piani di gestione dei siti della rete Natura 2000, la Regione destina circa 2 milioni al Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Sono due i protocolli d’intesa firmati a Palazzo Santa Lucia: altri 124mila euro sono assegnati al Parco Nazionale del Vesuvio.
Natura 2000 è una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell’Unione Europea, istituita per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciate o rare. Si tratta del principale strumento della politica Ue per la conservazione della biodiversità, ed è costituita dai Siti di Interesse Comunitario, successivamente designati quali Zone Speciali di Conservazione, e comprende anche le Zone di Protezione Speciale. Tutte aree di cui il Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni ha un’altissima concentrazione: 27 Sic e 5 Zps.
L’accordo tra Regione e i due parchi attua una delibera di giunta del giugno scorso, che stanziava 5,8 milioni di euro, a valere sul Psr, per la redazione o l’aggiornamento dei piani di gestione dei 124 siti. Di questi, 93 sono Sic, 15 Zps e 16 con duplice valenza Sic e Zps, accorpati in 27 “unità territoriali” e coprono una superficie di circa 347mila ettari, pari al 26% del territorio regionale. Il Parco del Cilento comprende 11 unità territoriali, mentre un’altra è di competenza del Parco del Vesuvio.
«Grazie ai protocolli – dichiara il governatore Vincenzo De Luca – molte di queste aree dall’inestimabile valenza naturalistica saranno dotate per la prima volta dei piani di gestione, strumento fondamentale per la loro tutela. I piani avranno ulteriori ricadute positive perché, una volta approvati, produrranno effetti integrativi e sostitutivi di norme e previsioni degli strumenti urbanistici in vigore, favorendo le attività agricole e imprenditoriali nonché altri usi del territorio sostenibili dal punto di vista ambientale».
Altri 3,7 milioni vengono trasferiti alla Direzione Generale per l’Ambiente, la Difesa del Suolo e l’Ecosistema della Regione, per i piani relativi alle 15 unità territoriali di competenza, comprese le 2 in cui ricadono le Riserve Naturali di Castelvolturno e Valle delle Ferriere.
«L’intesa con la Regione è particolarmente importante perché – spiega Tommaso Pellegrino, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Cilento, Diano e Alburni – il protocollo accompagnerà il processo già messo in atto della revisione del piano e del regolamento del parco, ormai datati. Inoltre ci consentirà di realizzare le cartografie per il piano, come la carta del suolo, che faremo con una tecnologia avanzata: stiamo pensando ad un sistema satellitare, per avere un monitoraggio costante ed efficace». «Vorrei ricordare che – prosegue – abbiamo il maggior numero di zone Sic e Zps, un grande patrimonio da salvaguardare e valorizzare, per tutelare la biodiversità e l’agricoltura di qualità. Non so quante altre aree omogenee abbiano così tanti siti concentrati in un unico ambito territoriale».
(Gianmaria Roberti – LA CITTA’)

Vedi anche

Camerota, altro blitz dei vigili: fermati gli ambulanti in spiaggia. Merce sequestrata

Continua senza sosta l’attività di controllo e monitoraggio della costa da parte dei Vigili Urbani …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta