Parco del Cilento-Diano-Alburni, l’Anac blocca appalto da 2 milioni

L’Autorità Anticorruzione boccia il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni sulla correttezza delle procedure adottate dall’Ente cilentano per l’affidamento del servizio di redazione o aggiornamento dei piani di gestione di 11 unità territoriali di competenza, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale, del valore complessivo di circa 2 milioni di euro. Rispondendo alla richiesta di parere dell’Ente Parco, il Consiglio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione ha specificato come «al fine di evitare un artificioso frazionamento dell’appalto, volto ad eludere la disciplina comunitaria, le stazioni appaltanti devono prestare attenzione alla corretta definizione del proprio fabbisogno in relazione all’oggetto degli appalti, specialmente nei casi di ripartizione in lotti», rallentando di fatto il maxi-appalto del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. In merito alla procedura attuata dall’Ente Parco, l’Anac richiama, di fatto, la normativa in materia che specifica come «un appalto non può essere frazionato allo scopo di evitare l’applicazione delle norme del presente codice tranne nel caso in cui ragioni oggettive lo giustifichino«.
Concetti ribaditi anche nelle Linee Guida sulle procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici.
Tutto nasce coi finanziamenti del Programma di Sviluppo Rurale con cui la Regione Campania ha previsto un finanziamento complessivo di oltre 5, 8 milioni di euro per la redazione o l’aggiornamento di tutti i piani di gestione relativi ai siti della Rete Natura 2000, che rientrano nelle aree rurali, assegnando, in particolare all’Ente Parco 1.987.247,52 euro in riferimento alle 11 unità territoriali di competenza. In un successivo protocollo tra Parco e Regione, l’Ente cilentano si è impegnato, in caso di ricorso al mercato per l’affidamento del servizio de quo, a bandire un’unica procedura di affidamento, avente ad oggetto la redazione di tutti i piani di gestione relativi alle unità territoriali specificate o in alternativa una gara suddivisa in lotti funzionali o prestazionali.
«Effettivamente l’Ente Parco ha deciso di affidare all’esterno il servizio de quo ed ha considerato separatamente il valore del servizio di redazione o aggiornamento in parola per ciascuna unità territoriale», spiega l’ANAC nel suo parere. «Conseguentemente – si legge ancora – per i contratti di appalto, che singolarmente valutati, presentano un valore inferiore alle soglie comunitarie (in totale 9 contratti) è ricorso alle procedure di cui all’articolo 36, comma 2, del Decreto legislativo 50 del 2016 (quelle per l’affidamento diretto) e, invece, intende procedere mediante procedura aperta (bando di gara) per l’affidamento dei restanti 2 contratti, il cui valore singolarmente considerato è superiore alle soglie comunitarie. In tal modo il valore dell’appalto pari a 1.987.247,52 euro è stato frammentato». Mentre tale scelta è stata motivata dal Parco con il fatto che ciascun intervento finanziato è riferito «ad unità territoriali distinte tra loro e che presentano caratteristiche geo-morfologiche e geografiche peculiari e distinte, con habitat specifici che richiedono uno studio approfondito e differenziato». Ma, secondo l’Anac, proprio in relazione a tali considerazioni, la stazione appaltante avrebbe dovuto bandire un’unica gara sopra soglia per l’aggiudicazione di 11 lotti distinti. (LA CITTA)

Vedi anche

Si toglie la vita in cantina con diverse coltellate: dramma a Gioi Cilento

Dramma a Gioi Cilento. Un ottantenne, ieri, è stato ritrovato in una pozza di sangue, …

Scuola. Sintomi sospetti da covid. Rientro in classe solo con tampone

“In presenza di sintomi sospetti”, fra cui oltre 37,5 gradi di febbre, “il pediatra o …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta