Palinuro: Sequestrati oltre due quintali di Tonno rosso sottomisura

I Militari dell’Ufficio Circondariale Marittimo di PALINURO da settimane erano impegnati in attività investigativa per l’accertamento e repressione sull’intero territorio di competenza, da Pisciotta a Sapri, di violazioni in materia di pesca. Da tempo erano stati individuate imbarcazioni e sorgitori di sbarco del prodotto ittico, che  variava in base anche al quantitativo pescato. In questo periodo le acque marine hanno subito una variazione di temperatura e   i pesci predatori, nella maggioranza tonnetti allo stato giovanile nuotano in branchi seguendo la corrente; la tutela delle specie ittiche sottomisura (o allo stato giovanile)  risulta necessaria per tutte le tipologie di pesci, in particolar modo per il tonno rosso, specie inserita in appositi piani di ricostituzione nell’Atlantico meridionale e nel Mediterraneo. La pesca professionale e ricreativa o sportiva di questa particolare varietà ittica non è consentita, se non per pesci di dimensioni minime specifiche e in determinati periodi stagionali indicati dalla normativa comunitaria e nazionale. Venerdì mattina a Palinuro, sotto il coordinamento provinciale del Compartimento Marittimo di Salerno guidato dal Capitano di Vascello Gaetano Angora, è scattato l’intervento dei guardiacoste, dall’alba avevano dapprima ispezionato i porti e poi individuato in  mare le barche, mentre personale a terra attendeva il rientro in porto. Un’imbarcazione da diporto è stata ispezionata nel porto di Palinuro e a bordo sono stati rinvenuti tonnetti sottomisura per circa 30 kg, in un secondo momento un’altra unità già intercettata ha cambiato la sua rotta e il suo porto di rientro vedendo movimenti sul porto di Palinuro e ha deciso di ormeggiarsi di fortuna nei pressi dell’Arco Naturale. Il diportista non aveva però considerato di trovare sul posto anche dei Militari in borghese che hanno proceduto ad identificare le persone a bordo e hanno scoperto più di 200 chili di tonnetti sottomisura, che non avendo più recipienti per contenerli li avevano disposti liberamente sull’imbarcazione da diporto.Tre le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria di Vallo della Lucania per il reato di detenzione di novellame di tonno rosso, che ora rischiano da 2 mesi a 2 anni di arresto e un’ammenda fino a 12.000 euro, il pesce sequestrato su diposizione del Magistrato di turno è stato devoluto in beneficenza ad istituti religiosi sul territorio previo assenso del Veterinario dell’Asl. Il Comandante Palma del Circondario Marittimo di Palinuro fa sapere che l’attenzione su tali accertamenti è elevata e che nei prossimi giorni i controlli continueranno sia a mare che a terra. Soddisfazione per l’operazione è stata espressa dalle Autorità locali e dai pescatori professionisti che vedono in questi comportamenti una seria minaccia per il proprio futuro. (salernonotizie)

 

Vedi anche

Covid, dati da brividi in Campania: si vola a 3700 contagi, situazione pesantissima

Questo il bollettino di oggi dell’Unità di Crisi regione Campania sull’emergenza Covid: Positivi del giorno: …

Covid: boom personale contagiato in ospedale del Napoletano

Sono tra ”i 30 e i 40” i soggetti appartenenti al personale dell’ospedale Covid di …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta