“Necessario ridurre il gap infrastrutturale tra nord e sud”: il d.g. della Banca del Cilento commenta la Manovra 2020

“Va assolutamente avviato un percorso per ridurre quel gap infrastrutturale storico che c’è sempre stato tra nord e sud e che si è acuito negli ultimi 15 anni”. Lo afferma Ciro Solimeno, direttore generale della Banca del Cilento, di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania, commentando gli aspetti della Manovra Finanziaria 2020 che in particolare riguardano la Crescita del Mezzogiorno. “Si parla molto -sottolinea Solimeno- degli strumenti pratici che il Governo vorrebbe mettere in campo: in realtà non sono strumenti nuovi ma una riedizione di strumenti che sono stati già utilizzati in altra epoca, e che dovrebbero servire all’infrastrutturazione del sud e a dotare le imprese meridionali di quei finanziamenti utili alla formazione, alla realizzazione e alla crescita del capitale fisso, indispensabile per portare avanti e finanziare il ciclo produttivo delle singole aziende”. Solimeno vede positivamente l’idea del rilancio della Banca per il Mezzogiorno: “A me piace -chiarisce il direttore generale- definirla Banca «per» il Sud, perché Banche «del» Sud ce ne sono già, nel panorama creditizio nazionale. Dovrebbe avere i connotati di un Mediocredito, la classica struttura finanziaria che serve proprio per finanziare anche in modo agevolato e continuo l’infrastrutturazione. E quindi coprire tutte quelle necessità (capannoni, investimenti in infrastrutture informatiche, viabilità, zone industriali), insomma tutto ciò che serve per assicurare spazio vitale per le imprese meridionali. E che dovrebbe portarle ad avvicinarsi, almeno in termini produttivi, alle imprese del centro e del nord”.  Il direttore generale della Banca del Cilento ricorda poi la famosa “quota 34”, che i vari Governi assumevano al loro insediamento: “Il 34% delle risorse investite in Italia -evidenzia Solimeno- dovevano essere destinate alle regioni meridionali. Questa quota 34 negli ultimi anni è stata ridotta, secondo recenti studi, intorno al 28%: concretamente ha significato diverse decine di miliardi in meno per l’economia meridionale. Speriamo che con questo nuovo programma governativo, e in esso uno strumento importante quale potrebbe essere il Mediocredito per il sud, possa servire effettivamente a recuperare questo gap”.

Vedi anche

Italo arriva nel Cilento, entusiasta il Senatore del M5S Francesco Castiello

Italo sbarca nel Cilento che rientra dunque ufficialmente nel circuito dell’Alta Velocità. Ad attendere, questa mattina, …

Banca del Cilento, 2019 da record: utili per 4 milioni di euro. Aggregazione con la BCC DI BUONABITACOLO, ecco i tempi

Da un lato la grande soddisfazione di aver realizzato nel 2019 il miglior bilancio nei …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta