M. di Camerota. “Caso Ciclope ” Il pm ordina sequestro autorizzazioni

Continuano le indagini sulla morte del ragazzo avvenuta la notte tra il 10 e l’11 agosto nella famosa discoteca di Marina di Camerota Il Ciclope. Il procuratore capo Giancarlo Grippo sta coordinando personalmente le indagini a cui stanno lavorando i carabinieri della compagnia di Sapri agli ordini del capitano Emanuele Tamorri. Nella giornata di ieri, presso il Comune di Camerota, i carabinieri hanno acquisito tutti i fascicoli relativi alle autorizzazioni rilasciate per l’esercizio dell’attività di discoteca ma non solo. La famiglia Sacco infatti, che gestisce la discoteca, è anche titolare di altre attività, il lido Ciclope beach e un’altra struttura balneare nel comune di Centola-Palinuro. Sotto la lente di ingrandimento c’è la documentazione che dovrebbe verificare lo stato di agibilità della struttura.
Per il momento, il fascicolo aperto dalla procura di Vallo della Lucania, prevede l’ipotesi di omicidio colposo a carico di ignoti ma, in queste ore potrebbero già esserci dei nomi. (Cristina Pomarico – OPERA)

Vedi anche

La curva dei nuovi contagi fa paura: il governo pronto a zone rosse e restrizioni

La curva dei nuovi contagi fa tornare la paura in Italia. I dati registrati ieri …

Coronavirus Campania, 195 positivi su 8473 test effettuati

COVID-19, IL BOLLETTINO ORDINARIO DELL’UNITÀ DI CRISI DELLA REGIONE CAMPANIA Questo il bollettino di oggi: …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta