Legge Severino, il tribunale ha deciso: De Luca continua a governare

Vincenzo De Luca può continuare a guidare la Regione Campania. Lo ha deciso la prima sezione civile del tribunale di Napoli: è stato sospeso il decreto di sospensione del premier Renzi. Il tribunale ha inviato gli atti alla Corte Costituzionale per valutare la questione di legittimità proposta dagli avvocati di De Luca. Come è noto, la sospensione dalla carica era scaturita dalla Legge Severino a seguito di una condanna per abuso d’ufficio. Un anno di reclusione e interdizione di un anno dai pubblici uffici dai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Salerno: questa la condanna in primo grado che aveva incassato, a gennaio, De Luca. Nel processo che lo vedeva imputato per la nomina a project manager del suo capo staff Alberto Di Lorenzo nell’ambito della realizzazione di un termovalorizzatore a Cupa Siglia, nella periferia di Salerno, dunque, era stata emessa la sentenza dopo sei ore di camera di consiglio. Ma il 2 luglio scorso l’ex sindaco di Salerno aveva ottenuto la sospensione dell’efficacia del decreto Renzi in base a un provvedimento d’urgenza (ex articolo 700) emesso dal giudice Gabriele Cioffi. Con la decisione odierna, ad ogni modo, il presidente De Luca può tirare un sospiro di sollievo e proseguire il suo incarico.

Vedi anche

Covid, non si arresta la corsa dei contagi: nel Salernitano altri 28 nuovi positivi

La corsa del Covid non si arresta nel Salernitano. Anche il bilancio della giornata di …

Caso Angelo Vassallo, un nuovo indagato. Un 52enne di Scafati.

Salerno – Un pentito del clan Loreto-Ridosso di Scafati accusa un imprenditore scafatese di 52 …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta