Home / Eventi / Legge regionale per il Cinema,Vincenzo De Luca: «Pensiamo a una piccola Cinecittà in Campania»

Legge regionale per il Cinema,Vincenzo De Luca: «Pensiamo a una piccola Cinecittà in Campania»

SALERNO – Una Cinecittà in Campania: è questa l’ipotesi di progetto svelata dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, intervenuto al Teatro Augusteo di Salerno in occasione della presentazione della XXI edizione di «Linea d’Ombra – Festival Culture Giovani». Il governatore non ha voluto rivelare ancora dove potrebbe sorgere la cittadella del cinema, ma ha assicurato che «ha avuto richieste per investire in quella che potrebbe essere una piccola Cinecittà, con studi di produzione e registrazione e la faremo con i fondi europei».

Legge regionale per il cinema

«Stanziamo risorse rilevanti per aiutare le produzioni cinematografiche ma soprattutto la formazione di personale dedicato alle attività cinematografiche e audiovisive», ha detto ancora il presidente della Regione in merito alla legge sul cinema della Regione Campania. De Luca ne ha discusso con la produttrice Antonella Di Nocera, la regista Antonietta De Lillo, il regista Edoardo De Angelis, reduce dal suo ultimo film Indivisibili, il direttore Film Commission Regione Campania, Maurizio Gemma. «Questa – ha aggiunto il governatore – porterà creatività e lavoro. Va sconfitta però la palude burocratica; è un risultato di grandissima importanza. Pensiamo di sviluppare queste iniziative in raccordo stretto con i territori e con i progetti di sviluppo turistico-culturale ad essi collegati. Prevede una programmazione triennale da parte della Regione con uno stanziamento di cinque milioni l’anno. Daremo anche vita ad una mediateca regionale, lavoreremo per recuperare prodotti cinematografici che hanno fatto la storia del cinema nel nostro Paese e poi lavoreremo sui diversi segmenti di produzioni cinematografiche, per favorire cinema d’autore e cineturismo. Sarà una grande occasione per il mondo del cinema e per i suoi operatori, per tanti giovani talenti che in questi anni non hanno avuto l’occasione di esprimersi nel nostro territorio e anche un modo per valorizzare le nostre eccellenze».

«Una comunità senza cultura non ha un’anima»

Parlando di Salerno, poi, De Luca ha aggiunto: «Siamo qui a Salerno, una media città del Sud dove è sorto, nel dopoguerra, il festival del cinema secondo più antico d’Italia dopo Venezia, morto per strada per non aver saputo rinnovare se stesso, per non essersi aperto a nuove esperienze. Noi in questa città abbiamo aperto cinque teatri e cinemateatri. Abbiamo cercato di far capire a tutti che una comunità senza cultura non ha un’anima. Tu magari muovi emozioni ma c’è qualcuno che ancora aspetta il progetto. Abbiamo avuto ambienti che hanno vissuto per anni di parassitismo e lobby. Noi abbiamo interesse a smantellare piccole lobby, circoli chiusi che parlano di cultura ma che non hanno mai prodotto niente tranne il proprio stipendio a spese della regione. Noi siamo per dare respiro al merito, a chi vuole presentarsi sulla base della propria creatività. Insieme dobbiamo fare questa operazione di rinnovamento e avere il coraggio di essere coerenti». (Il Corriere del Mezzogiorno)

Vedi anche

Diventa Partner di Equinozio d’Autunno

Il Comune di San Giovanni a Piro come da riferimento al Regolamento per la disciplina …

3 dicembre 2019 nasce la Fondazione Nadia Toffa

Oggi nasce la Fondazione Nadia Toffa e questa la sua immagine, fortemente voluta da tutta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta