La storia del “Leone di Caprera” e quella voglia di rivedere la storica imbarcazione a Marina di Camerota

Non si è mai del tutto sopito il sogno di Orlando Troccoli (nipote di Pietro Troccoli membro dell’equipaggio del Leone di Caprera) e di tutti gli abitanti di Marina di Camerota di riavere la storica imbarcazione (adesso esposta a Milano). Orlando Troccoli in un’intervista del 2011 a CilentoTV raccontò le sue emozioni, i suoi ricordi e le sue speranze di “riabbracciare” quella che fu per il nonno la traversata del secolo compiuta insieme agli altri due membri dell’equipaggio (decorati poi dal re con la medaglia d’oro). Il Leone di Caprera è una goletta di 9 metri di lunghezza, di tre tonnellate di stazza, armata di due alberi, costruita nel 1879 dal maestro d’ascia Luigi Briasco di Montevideo. Fu così chiamata in onore di Giuseppe Garibaldi, l’esule di Caprera. Le caratteristiche di costruzione e armamento fanno del Leone di Caprera un esemplare unico. Il capitano dell’imbarcazione così lo descrive:
«È costruito in legno di cannella, algarrobo, noce, pino bianco d’America; la coperta è a doghe larghe un pollice e mezzo, alternate fra noce e pino, tutto inchiodato e foderato in rame, ed ornato in bronzo: insomma è fatto artisticamente col disegno di darlo a qualche museo navale d’Italia e non già per uso di mare.» (Vincenzo Fondacaro. Diario di bordo)
Si tratta di un’imbarcazione da diporto a vela, del tipo baleniera. È costruita in legno a fasciame longitudinale di algarrobo e con fasciame interno parziale. Le strutture sono in massello di algarrobo, con chiodame in rame. Il ponte di coperta è realizzato in doghe di noce, pino bianco e cannella. All’interno sono presenti due cilindri di rame sigillati, destinati a fungere da ausili al galleggiamento, in caso cedimenti del fasciame. Le dimensioni sono: 9 metri di lunghezza per 2,30 di larghezza, puntale di 110 centimetri circa. L’altezza di costruzione a prua è di circa 160 centimetri.
Un’imbarcazione da primato
A renderla famosa è stata proprio l’impresa navigatoria da lui sognata di compiere, con tre uomini di equipaggio, la traversata atlantica dall’Uruguay all’Italia nel 1880, un vero primato della marineria, per una imbarcazione di quelle dimensioni. La traversata, iniziata da Montevideo il 3 ottobre 1880, raggiunse prima Las Palmas il 9 gennaio 1881, poi Gibilterra il 23 gennaio per concludersi a Livorno il 9 giugno 1881.
Realizzazione
La goletta fu costruita tra numerose difficoltà, con finanziamenti di immigrati italiani in Uruguay ed Argentina per iniziativa di Vincenzo Fondacaro, originario di Bagnara Calabra (RC), di Orlando Grassoni, di Ancona, e di appunto Pietro Troccoli di Marina di Camerota (SA).
Queste le note biografiche di Pietro Troccoli (Marina di Camerota (SA) 1852 – Montevideo 1939). Era emigrato giovanissimo in Uruguay. Lavorando nei cantieri navali di Montevideo, vi conobbe Fondacaro, con il quale partecipò alla costruzione del “Leone di Caprera”. Al termine della traversata si recò a Caprera per consegnare a Garibaldi l’album con le firme degli italiani emigrati in Uruguay ed Argentina. Si stabilì quindi in Uruguay, dove si sposò ed ebbe nove figli. Morì a Montevideo nel 1939.
Destino museale
La goletta è stata temporaneamente ospitata nell’allestimento museale ricavato dalla Grotta di Lentiscelle, presso Marina di Camerota, mentre tutt’oggi proprietà del Comune di Milano – Museo del Risorgimento – Civiche raccolte storiche – è stata esposta, per un certo periodo, nel giardino del Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci.
Interventi di restauro
Il 23 marzo 2007, la nave è stata trasferita a Livorno, per essere sottoposta a restauro da parte dell’Associazione per il Recupero delle Imbarcazioni d’Epoca (ARIE), secondo un progetto approvato dall’Istituto Centrale per il Restauro. Il progetto di restauro conservativo-museale e i relativi interventi sono durati all’incirca 24 mesi, e hanno avuto luogo nella città toscana presso il cantiere specializzato ‘Old Fashioned Boats’. Uno speciale Comitato tecnico-scientifico, nato in seno ad ARIE, ha coadiuvato l’Associazione durante tutto il periodo di restauro del cimelio. La Presidenza di detto Comitato è stata affidata allo Studio Faggioni di La Spezia che ha diretto il restauro con la propria esperienza. Il restauro del Leone di Caprera ha beneficiato dell’alto Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, conferiti ad ARIE per il recupero di questo raro bene storico. Il Presidente della Repubblica Italiana, On. Giorgio Napolitano, con una lettera indirizzata a Serena Galvani, ha testimoniato il suo appoggio e sostegno all’operazione di ripristino del cimelio. Il 9 giugno 2009 è tornato alla vita, a Livorno, esattamente 128 anni dopo il suo arrivo nella città toscana, avvenuto il 9 giugno del 1881. La cerimonia di presentazione del restauro completato si è svolta sulla banchina del Molo Mediceo antistante il Cantiere ove si sono svolti i lavori. Il “Varo Museale” del Leone di Caprera è stato presentato alle Autorità intervenute e alla Stampa da Giulio Guazzini, giornalista RAI, coadiuvato dal celebre skipper Cino Ricci. Considerate le condizioni in cui versava, e nel pieno rispetto della volontà dei tre eroi che l’avrebbero voluto vedere esposto in un Museo, il Leone di Caprera è stato inserito in un progetto di restauro museale. Il futuro del cimelio non è infatti la navigazione, ma l’esposizione al grande pubblico presso una sede idonea che ne valorizzi il passato e l’importanza che questa imbarcazione rappresenta per l’Italia e per la Marineria nazionale.
Omar Domingo Manganelli

Vedi anche

Regione Campania. Mai più barriere sulle spiagge: approvata legge a sostegno di persone con disabilità

Il Consiglio Regionale della Campania ha approvato una legge a sostegno dell’accessibilità delle aree demaniali …

Imma Vietri (FdI): «Ombre sugli ospedali modulari, spesi 12 milioni dei cittadini campani»  

«Costruiti a tempo di record, gli ospedali modulari realizzati durante l’emergenza Covid rischiano di rimanere …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta