Green pass, nuovo dpcm: scaricabile su sito web e anche su app ‘Immuni’ e ‘Io’

Il ‘green pass’ potrà essere ‘scaricato’ via web, attraverso il sito dedicato, ma anche attraverso l’app ‘Immuni’ e ‘Io’. E’ quanto prevede la bozza del nuovo dpcm sulla cosiddetta ‘certificazione verde’ messa a punto dalla presidenza del Consiglio, di concerto con i dicasteri della Salute, dell’Innovazione tecnologica e la transizione digitale e dellle Finanze, in vista del prossimo Cdm.

“Le certificazioni verdi Covid-19, si legge nel primo comma dell’articolo 12 del testo, “sono messe a disposizione degli interessati attraverso i seguenti strumenti digitali, con le modalità definite nell’allegato E:
a)sito web dedicato, sia attraverso accesso con identità digitale sia con autenticazione a più fattori;
b)fascicolo sanitario elettronico;
c)App Immuni;
d)App IO”.

Per i certificati già emessi da Stati o regioni, è previsto un periodo di 6 settimane perché possano essere resi compatibili con il modello Ue (i Paesi membri avevano chiesto mesi di tempo, il Parlamento ha spinto per abbreviare questo periodo). Il Gateway, la piattaforma informatica Ue che rende possibile il Pass e che fornisce le chiavi digitali che consentono la validità transfrontaliera, è operativo da inizio mese e alcuni Paesi hanno già iniziato a rilasciare certificati: finora ne sono stati emessi oltre un milione. Se ottenere il Pass sarà un diritto, il suo utilizzo potrà però variare in qualche misura da Stato a Stato. Con queste avvertenze, ecco i dettagli

Ha diritto al ‘green pass’ chi è stato vaccinato con entrambe le dosi (nel caso ad esempio di Astrazeneca, Pfizer e Moderna); chi è risultato negativo ad un tampone molecolare o un antigenico rapido effettuato entro le 48 ore; chi è guarito dall’infezione da Sars-Cov-2 e, a seguito di tampone negativo, è uscito dall’isolamento.

OK QUELLI UE O EXTRA UE CON VACCINI RICONOSCIUTI

Il testo è formato da 20 articoli e contiene la normativa sul certificato che, a partire dal prossimo primo luglio, aiuterà i viaggiatori all’interno dell’Ue che lo detengono a evitare di essere sottoposti a test e/o quarantene quando viaggiano all’interno dell’Unione, contribuendo così al graduale ripristino della libertà di circolazione in Europa, di fatto coartata dalle restrizioni introdotte dagli Stati per ragioni di salute pubblica.

Secondo quanto si legge, le ‘certificazioni verdi Covid-19’, dette anche Green Pass, rilasciate “in conformità al diritto vigente negli Stati membri dell’Unione europea sono riconosciute come equivalenti a quelle rilasciate in ambito nazionale, se conformi ai criteri definiti con circolare del ministero della Salute”.

Dal primo luglio, quando entrerà in vigore il regolamento approvato oggi, il Green Pass sarà un diritto per tutti i cittadini Ue che abbiano i requisiti: ovvero per chi è stato vaccinato, per chi è guarito da coronavirus e per chi si sottopone a un test e risulta negativo. (ADNKRONOS)

Vedi anche

Green pass Italia e regole zona gialla, cosa chiedono le Regioni

Ipotesi Green pass per bar, ristoranti e le attività nei luoghi pubblici, nuovi parametri e …

Covid:De Luca lancia assalto a giovani per eliminare dad. Target 70% studenti vaccinati, ora sotto il 50% 12-19 anni

Un invito secco ai giovani a vaccinarsi, e alle famiglie a spingerli verso la somministrazione …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta