Ultime Notizie

Governo Draghi, sottosegretari: duello tra partiti, i nomi in corsa

 Governo Draghi, sottosegretari: duello tra partiti, i nomi in corsa. La previsione di avere il ‘sottogoverno’ pronto entro il fine settimana, già a rischio nei giorni scorsi, sembra ormai sfumare di ora in ora. I partiti sono ancora alle prese con le grane interne. La deadline si sposta a lunedì, ma potrebbe slittare ulteriormente. “Siamo bloccati alla fase 1, quella di risoluzione dei problemi interni. E a meno di un’accelerazione imprevista, servirà ancora qualche giorno per passare alla fase 2, quella del confronto con Mario Draghi“, si spiega dalla maggioranza. Il premier, viene raccontato, ha lasciato ai partiti le indicazioni per la squadra del sottogoverno – alcune forze politiche starebbero stilando una rosa di nomi di papabili- ma comunque dirà la sua in merito alle proposte.

E il vaglio, dicono fonti della maggioranza, sarebbe incardinato su due criteri: la continuità e la non divisività. Un po’ sulla falsariga delle scelte per la squadra di governo. Con una novità di non poco conto: le grane interne al M5S -che hanno visto l’espulsione di 15 senatori (possibile cartellino rosso anche per altri sei che non hanno votato) e stasera potrebbero vedere nuove uscite alla Camera- ‘assottiglierebbe’ la quota grillina di sottogoverno, portandola da 13 a 11. Il che farebbe salire a 8 i sottosegretari di Pd e Lega, lasciando invariate le altre quote: 7 a Fi e uno a testa tra i ‘piccoli’ ovvero Leu, Maie, Più Europa, centristi, Autonomie. Forse per Iv potrebbero esserci 2 posti.

A quanto apprende l’Adnkronos, oggi ci sarebbe stata una riunione in tarda mattinata tra gli ex sottosegretari 5 Stelle in cui il capo politico Vito Crimi avrebbe spiegato che, portando avanti la ‘trattativa’, lui non avrà un posto nel sottogoverno, né tantomeno gli attuali capogruppo, perché impegnati nei negoziati. Una decisione “presa nei giorni scorsi”, conferma lo stesso Crimi all’Adnkronos. Quindi sfuma la possibilità che Crimi, ex viceministro all’Interno, vada alla Giustizia, dove era dato in pole. In via Arenula, per i 5 Stelle, dovrebbero giocarsela l’ex capogruppo al Senato Gianluca Perilli e Francesca Businarolo. I 5 Stelle scalpitano per un posto, con l’obiettivo di mettere in salvo le riforme grilline, a partire da quella della prescrizione nel mirino del resto della maggioranza.

Stesso discorso per il dicastero del Lavoro, guidato dal dem Andrea Orlando, dove per puntellare il reddito di cittadinanza potrebbe arrivare la deputata Maria Pallini, nel team del futuro proprio come ‘facilitatrice’ delle tematiche sul lavoro. I 5 Stelle puntano poi a ‘piazzare’ un loro uomo al super dicastero ‘green’ voluto da Beppe Grillo. In pole per affiancare Roberto Cingolani – il fisico suggerito a Draghi dallo stesso fondatore del M5S – c’è Stefano Buffagni, che nel peggiore dei casi potrebbe restare al Mise ma che sicuramente ricoprirà una casella del sottogoverno.

Per lo Sviluppo economico si fa largo anche il nome di Carla Ruocco, ma per approdare a via Veneto l’ex esponente del direttorio grilllino dovrebbe lasciare la presidenza della commissione di inchiesta sulle banche, il che aprirebbe una nuova partita in Parlamento e rischierebbe di generare ulteriore dissenso nei 5 Stelle. L’ex viceministro Giancarlo Cancelleri potrebbe essere confermato ai Trasporti, ma non è escluso che lasci per il dicastero del Sud, complice il dissenso dei parlamentari meridionali per l’inconsistenza del Sud nella compagine governativa.

Sulla rampa di lancio, sempre per il dicastero guidato da Mara Carfagna, la deputata Gilda Sportiello. Al ministero dell’Economia i pentastellati puntano sulla riconferma di Laura Castelli, mentre all’Interno dovrebbe tornare a spuntarla Carlo Sibilia. Pierpaolo Sileri potrebbe restare con Roberto Speranza alla Salute, per la Scuola ‘scalpita’, stando almeno ai rumors interni, Luigi Gallo, ma potrebbe spuntarla anche l’ex sottosegretario alla Cultura nel primo governo Conte Gianluca Vacca.

Alla Difesa ci potrebbe essere il ritorno di Angelo Tofalo, che aveva già rivestito il ruolo di sottosegretario nel primo governo Conte, ma altro nome che rimbalza è quello del giovanissimo Luigi Iovino. Un’altra possibile new entry è Luca Carabetta, giovane deputato tra i nomi indicati da Capital tra gli under 40 più impegnati per un futuro migliore: per lui potrebbe aprirsi uno spazio al ministero dell’Innovazione tecnologica e la transizione digitale capitanato da Vittorio Colao. La senatrice Alessandra Maiorino potrebbe approdare al dicastero per le disabilità. Infine, per affiancare Luigi Di Maio alla Farnesina nel Movimento se la giocano in due, due ex: la viceministra Emanuela Claudia Del Re o Manlio Di Stefano.

Per quanto riguarda il Pd la partita ruota attorno all’ormai famoso ‘caso’ donne. Il segretario Nicola Zingaretti anche oggi ha ripetuto che la ‘ferita’ verrà sanata. “Il passaggio del governo è stata ferita grave a cui rimedieremo perché fa parte della nostra cultura”. Tuttavia tra i parlamentari dem è forte la convinzione che i tre uscenti maschi di cui si parla in questi giorni restino in pole position per una riconferma: Antonio Misiani già viceministro al Mef, Matteo Mauri viceministro all’Interno e Andrea Martella sottosegretario alla presidenza con delega all’Editoria.

Sui 7 posti tra viceministri e sottosegretari che dovrebbero spettare al Pd la ripartizione di genere si articola tra 2/3 uomini e 4/5 donne. Se le donne fossero cinque, in complesso, la delegazione dem di governo sarebbe in perfetta parità di genere. Tuttavia nella partita potrebbe anche entrare la variante vicesegreteria: la prossima settimana – ancora non c’è convocazione – potrebbe tenersi una Direzione del Pd nella quale discutere della questione per la nomina di vicesegretaria donna.

Sui nomi per la squadra di sottogoverno si parla di riconferma per la viceministro degli Esteri, Marina Sereni, e della viceministro alla Scuola, Anna Ascani. Ma non vengono escluse riconferme anche tra le altre uscenti Sandra Zampa in primis alla Salute e poi Simona Malpezzi (Rapporti con il Parlamento), Lorenza Bonaccorsi (Cultura), Francesca Puglisi (Lavoro) Alessia Morani (Mise). Sulle possibili new entry restano forti le voci su Marianna Madia e Valeria Valente che, tra l’altro, è anche un’esponente del Sud in un governo molto a trazione nordista.

Fonti del centrodestra vedono l’obiettivo vicino, forse già entro il fine settimana: “Si dovrebbe chiudere entro sabato sui sottosegretari”, spiega un parlamentare più ottimista. Di certo i nomi proposti sono quelli che girano ormai con più insistenza. Nella rosa proposta dalla Lega, dovrebbero essere in pole Giulia Bongiorno, data per molto vicina a largo Arenula, al fianco di Marta Cartabia, Stefano Candiani o Nicola Molteni al Viminale, Luca Coletto con Roberto Speranza alla Salute, infine Lucia Borgonzoni di ritorno al Collegio Romano con il dem Dario Franceschini.

Anche il nome di Edoardo Rixi viene accostato al Mit, come sottosegretario del ministro ‘tecnico’ Giovannini. Tra gli scenari, restando in casa Lega invece, rumors parlano di Massimiliano Romeo, capogruppo al Senato, tra i nomi per la casella dei rapporti con il parlamento, con il riconfermato ministro D’Incà. In quel caso il nome di Gian Marco Centinaio è dato in pole per la guida dei senatori di Salvini.

Anche in casa Forza Italia c’è fermento. Tanti aspiranti veri o presunti per solo sette posti, di cui uno spetterebbe all’Udc. Per la precisione si tratterebbe di 5 senatori e due deputato. Ecco, secondo le ultime indiscrezioni, la griglia dei papabili: a palazzo Madama si fanno i nomi di Lucio Malan, già componente della commissione Affari esteri e emigrazione di Palazzo Madama per la Difesa o gli Esteri; Francesco Battistoni, commissario regionale nelle Marche, vicino a Tajani, per l’Agricoltura; Gilberto Pichetto, in lizza per un ruolo ‘economico’ vista l’esperienza maturata nelle commissioni Finanze, Lavoro-Politiche sociali e Sviluppo economico di palazzo Madama. In corsa pure Stefania Craxi per Fi e Maria Alessandra Gallone per i centristi.

Come deputati circola il nome di Andrea Mandelli, fedelissimo del Cav e presidente dell’Ordine nazionale dei farmacisti, per un incarico al ministero della Salute, e quello dell’avvocato Francesco Paolo Sisto, responsabile Giustizia del partito, per la casella di via Arenula. Per il Viminale spunta il nome di Marianna Li Calzi. Per lei sarebbe un ritorno, essendo già stata sottosegretaria all’Interno nel ’94 con il governo Berlusconi. Si è parlato anche di Giorgio Mulè, Andrea Cangini e Alberto Barachini per le Telecomunicazioni o l’Editoria. Ma secondo gli ultimi rumors, tutto farebbe pensare che Barachini resterà alla presidenza della Vigilanza Rai.

Il partito di Silvio Berlusconi potrebbe ottenere il sottosegretario con delega allo sport e in questo caso la partita sarebbe a tre: tra i deputati Cosimo Sibilia, lo schermidore olimpionico Marco Marin e Paolo Barelli, presidente della Federazione nuoto. Se la scelta dovesse ricadere su Sibilia, dovrebbe rinunciare alla candidatura a presidente della Figc che lo vede contrapposto all’attuale presidente federale, Gabriele Gravina. Per il Viminale poi spunta anche il nome di una outsider: Marianna Li Calzi. Per lei sarebbe un ritorno, essendo già stata sottosegretaria all’Interno nel governo Berlusconi e poi alla Giustizia con D’Alema e Amato.

Vedi anche

M5S, Manzo: “Cassa integrazione straordinaria e mobilità in deroga per le aree di crisi complesse Campane ”

M5S, Manzo: “Cassa integrazione straordinaria e mobilità in deroga per le aree di crisi complesse …

Il presidio Saut di Palinuro individuato dall’Asl come Centro vaccinale

Il presidio Saut di Palinuro individuato dall’Asl come Centro vaccinale. CENTOLA. Il presidio Saut di Palinuro …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta