20.8 C
Camerota
lunedì, Ottobre 3, 2022
spot_img

Fiba Campania, una illusione di ripartenza tra carovita e piogge agostane

Turismo

Fiba Campania, una illusione di ripartenza tra carovita e piogge agostane

Vi erano tutte le condizioni, almeno nell’immaginario collettivo, tra lo spauracchio Covid
meno insistente, il gran caldo delle prime settimane di giugno ma poi quando l’Italia intera
è andata in vacanza si è scoperto il nervo sempre più dolorante del carovita che ha messo
è sta ancora mettendo in ginocchio le tasche di milioni di italiani, l’italiano medio questo
sconosciuto, ormai tendente al “povero” secondo i dati Istat.
A far precipitare ancora di più i consumi “estivi” specie al mare poi le continue
perturbazioni agostane anche nella settimana cruciale del ferragosto in molte località
marine.
In sintesi registriamo come Fiba Campania un calo rispetto al 2021 ed al 2020 e una lieve
flessione dei dati ritornati ai livelli pre Covid.
“ Tante le concause” spiega il Presidente Regionale di Fiba Confesercenti Campania
Raffaele Esposito, precisando che “ tutto sommato è stata una estate “normale” che
poteva regalare certamente più soddisfazione, da un lato molti italiani sono ritornati a
viaggiare all’ Estero, anche il bonus vacanza non rifinanziato ha contratto la voglia di
vacanza, aumentano i viaggi per periodi brevi, ma la cosa più evidente è la percezione e
poi la certificazione della mancata capacità di spesa dei turisti italiani una mancata fiducia
perché si tende a risparmiare spaventati dal carovita e dal caro bollette, non si rinuncia
alla gita al mare o al lago ma si tende a risparmiare” e aggiunge il Presidente Esposito
“non possiamo condannare la nostra utenza siamo solidali con queste famiglie non ricche
che fanno troppi sacrifici per continuare a mandare avanti il proprio bilancio familiare.
Siamo in una spirale negativa che va assolutamente invertita, speriamo che il prossimo
Governo se ne renda davvero conto, così come alcuni territori si rendano finalmente conto
che è assolutamente necessario lavorare implementando i flussi dall’Estero creando
servizi e migliorando i concetto di ospitalità ed accoglienza.
Gli imprenditori balneari hanno davvero voglia di ripartire tra le infinite criticità dei rinnovi e
degli adempimenti amministrativi, onerosi e ricchi solo di burocrazia, è giunto il momento”
conclude il Presidente Esposito “ di ridare certezza alle pmi e tra queste quelle del
comparto balneare per la risorsa mare premiando chi lavora per la sostenibilità e le buone
pratiche, garantendo loro lunghi periodi di tranquillità ed assistenza perché forse qualcuno
in questi anni lo avrà volutamente o meno dimenticato in questo modo migliaia di famiglie
italiane avranno un reddito ed una attività di impresa per mandare avanti una economia
ormai in forte criticità. Non c’è peggiore periodo storico per mettere mano a riforme
assurde e che daranno vita a contenziosi lunghi e dannosi per tutti mentre le “crisi”
incalzano”.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Cronaca

Shares