Expo 2015 – Gli italiani bocciati in alimentazione

La dieta mediterranea? E’ ‘di solo pesce’, mentre le calorie ‘sono i grassi contenuti negli alimenti’. Gli italiani in fatto di alimentazione sono poco informati: due su dieci (21%) sono convinti che i carboidrati siano nelle verdure, e nella patria della dieta mediterranea si confondono proteine e vitamine, ci si affida ai consigli degli amici e si dà retta alle sirene del sentito dire. Ma a sorpresa i maschi ne sanno più delle donne. E’ quanto emerge da uno studio condotto in occasione di ‘Feed your Mind’ – percorso espositivo realizzato da Nestlé nel Padiglione svizzero ad Expo 2015, secondo cui un italiano su tre è bocciato in alimentazione. L’indagine è stata condotta con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1.200 italiani – uomini e donne tra i 20 e i 60 anni – per capire quanto ne sanno in fatto di cibo e nutrizione. Ebbene, il 34% fa confusione tra calorie e grassi. Solo il 16% si dichiara pronto ad affrontare tematiche relative all’alimentazione. In più solo il 24% conosce la composizione dei nutrienti necessari in un pasto, (40% carboidrati, 15% proteine, 5% lipidi, 30% insalata e altre verdure, 10% di frutta e 3 bicchieri d’acqua). E a dimostrarsi più disinformate sono le giovani donne. Ma non basta. Per perdere i chili di troppo gli italiani si affidano ancora ai consigli degli amici (64%), mentre il 56% punta sulla moda del momento, senza dimenticare un buon 49% che fa tutto di testa sua. Solo il 35% si affida al consigli di un esperto che propone un trattamento adeguato. Più di 8 italiani su 10 dimostrano di non sapere che il numero ideale di pasti è di 5 al giorno. Sulla terminologia poi c’è una po’ di confusione. Ad esempio i carboidrati per un 21% sono un tipo di verdura mentre per il 17% sono i dolci. Li qualifica correttamente soltanto il 41% degli italiani. E il metabolismo? Per il 34% è una vera e propria “malattia che spinge a mangiare”, mentre per il 22% è una dieta che si fa a giorni alterni. Solo il 23% conosce la giusta definizione. Conoscenza carente anche sulle diete: per il 42% quella dissociata infatti è una dieta fatta da un solo membro della famiglia mentre per il 16% è a base di sola frutta. Solo il 19% dimostra di avere una idea a riguardo. E non va meglio con la dieta mediterranea: è conosciuta solo dal 18%: per il 39% è una dieta a base di solo pesce mentre per il 16% è un tipo di alimentazione da seguire solo in estate. (quasimezzogiorno)

 

Vedi anche

Paestum e Velia: 26 e 27 settembre tornano le Giornate Europee del Patrimonio

Il 26 e 27 settembre 2020, il Parco archeologico di Paestum e Velia aderisce alle …

Camerota: Solenni Festeggiamenti in onore di San Pantaleone Medico e Martire dal 17 al 27 settembre

La Parrocchia San Daniele e San Nicola, Don Andrea Sorrentino e il Comitato Feste Patronali …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta