Epifania al MUSEO FRaC – A mezzanotte tra il 5 e 6 gennaio in rete la mostra ” I Doni” di Giuseppe Di Muro

Il Museo-FRaC Baronissi continua la sua attività on line proponendo, per la notte dell’Epifania, una singolare mostra di ceramiche raku, realizzate dall’artista Giuseppe Di Muro. La mostra, in rete dalla mezzanotte, tra il 5 e il 6 gennaio (sulle piattaforme digitali del Museo), propone quindici vasi in raku, ispirate ai doni, oro, incenso e mirra che i tre saggi astrologi, venuti dall’Oriente, portarono al figlio di Dio. Un dono come auspicio per un anno che ci vedrà impegnati a costruire un nuovo avvenire. È la notte magica che, nei nostri ricordi d’infanzia, da sempre ha segnato l’avvio di un nuovo anno.

Giuseppe Di Muro ha creato nuove forme in dono all’anno che verrà e che sarà. E’ il suo auspicio di completo rinnovamento, di apertura al dialogo, ad un uomo nuovo non più prigioniero dell’economia, diventata unico orizzonte della nostra vita. Ha affidato alla tecnica del raku la manipolazione della materia, dell’argilla biancache, affidata all’incandescenza del fuoco, cede riflessi metallici mostrando la magia del ‘formare’ che le mani hanno.

 

Giuseppe Di Muro. Nato a Giffoni Sei Casali nel 1957, si laurea in Architettura. Nella primavera del 2006 tiene la personale “Le Città Invisibili” patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, allestita a Villa Rufolo, Ravello (Sa), curata da Massimo Bignardi. Tra le mostre più recenti si segnalano le personali “Zoomorfismi”, tenuta nel 2009 presso l’Associazione Culturale Marocchino Arte Contemporanea di Bitonto (BA) e “Figure di Bosh” a Terlizzi (BA). Dello stesso anno è l’invito a partecipare alla mostra collettiva “Persistenze sul confine dell’immagine. Ripensando ad Andrea Pazienza”, organizzata con il patrocinio della Provincia di Foggia e del comune di San Severo presso il Museo dell’Alto Tavoliere della Puglia. Nel 2010 partecipa con l’installazione Allegorie alla rassegna d’arte contemporanea “San Galgano Square” allestita presso il Palazzo di San Galgano, promossa dalla cattedra di Storia dell’arte contemporanea dell’Università di Siena. Dello stesso anno è la mostra personale “Eros e Thanatos. Ceramiche di Giuseppe di Muro” presentata da Pasquale Ruocco nell’ambito della sesta edizione di “Aperto”, Fës Show Room di Minori (SA). Nel 2010 partecipa alla mostra “Oleum. Tracce nei linguaggi del contemporaneo” allestita a Bitonto e nel 2011 è invitato al Padiglione Italiano della 54a Biennale di Venezia, curato da Vittorio Sgarbi, allestito presso l’Ex Tabacchificio Centola. Dello stesso anno è la personale presso il Museo Civico di Cetara; la presenza alla mostra “Arte in Città-Sculture”, installazioni, ceramiche nel cuore di Baronissi (SA). Partecipa, nel 2015 alla mostra “Il Senso della Forma. Prospettive del Design Ceramico”, promossa da Fës Show Room Minori. Nel 2016 è invitato alla V edizione FlosCarmeli “Tavolo d’artista” allestita al Castello Aragonese di Agropoli e alla mostra “Le Stanze del Museo”, allestita alla Pinacoteca Provinciale di Salerno. Del 2017 la mostra “Migratori&Migranti”, promossa dal FRaC Baronissi; la personale allo Studio Arte Fuori Cento di Roma. A settembre, tiene una personale dal titolo “LAND END”, presso il Museo FRaC, Baronissi. Dello stesso periodo, l’invito alla mostra “RECIPERE” allestita alla Masseria Jesce (BA). Nel 2018 è invitato alla mostra “Interni/Interior” tenutasi presso la Galleria Nazionale della Puglia di Bitonto; alla collettiva “TabulaePicta” Complesso Monumentale di Santa Sofia (SA) organizzata dalla Soprintendenza per i B.A.A.P.S.E.; segue l’invito a “Garantito Accademia “docenze d’artista”, presso l’Accademia di Belle Arti di Frosinone; alla mostra “Sessanta 1958-2018 Storia Testimonianze- Futuro” presso il Tempio di Pomona Salerno. A ottobre, l’invito alla collettiva itinerante “S-FACCIATI” allestita alla Masseria Jesce (BA) poi nei Luoghi di Pitti negli spazi dell’Ipogeo Niviera Altamura (BA). Sempre nello stesso anno la mostra “RECIPERE. Declinazioni della ceramica contemporanea” tenutasi presso il Museo della Città e del Territorio Corato (BA). Ha coordinato con Massimo Bignardi, tra il 2003 e il 2011, il progetto e la realizzazione del Museo Arte Ambientale (MÄ) di Giffoni Sei Casali.

A cura dell’Associazione Tutti Suonati

Vedi anche

Manifestazione d’interesse per restauratori. L’avviso della Provincia

Manifestazione d’interesse per restauratori. L’avviso della Provincia. La Provincia di Salerno ha pubblicato l’avviso esplorativo per …

Margherita Corrado (Senato Gruppo Misto – Commissione Cultura) – Pronto il Pala Parmenide di Elea-Velia

Operazione mediatica in grande stile quella che ieri ha sigillato la conclusione dei lavori di …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta