Ente Parco del Cilento,Vallo di Diano e Alburni, Tommaso Pellegrino lascia

Dunque l’annuncio è arrivato. Il presidente del Parco del Cilento tra qualche giorno lascerà l’incarico al Parco. Eletto in Consiglio regionale della Campania, anche se il mandato è in scadenza la prossima primavera. Dunque la politica ora è impegnata nel’individuare il prossimo presidente dell’area protetta.  Va detto che la carica di Presidente del Parco non è incompatibile con quella di Consigliere regionale, tuttavia, per una questione di opportunità politica, ma anche per rispetto istituzionale, Pellegrino quindi lascia  momentaneamente l’Ente nelle mani dell’attuale vicepresidente Cono D’Elia, fino a nuova nomina. A scegliere il nuovo presidente sarà il ministro dell’ambiente in accordo però con il governatore della Campania De Luca.  Questo è un punto fermo che però rispetto alla precedente nomina di Pellegrino, oggi trova il potere contrattuale del Ministro Costa molto ridimensionato, rispetto a quanto poteva nel 2015 l’allora Ministro Galletti che dopo quasi due anni di commissariamento dell’Ente Parco designò il presidente Pellegrino, nomina poi condivisa dal Presidente De Luca.  Altro punto fermo è che il territorio non vuole in alcun modo imposizioni di personaggi che arrivino da lontano; insomma la formula dell’uomo del territorio funziona, come dimostrato dallo stesso Pellegrino, originario di Sassano, ed è la stessa che i sindaci ed i cittadini del Diano, degli Alburni e del Cilento si aspettano anche per il prossimo presidente dell’Ente. Dunque, innazitutto un politico, esperto di vita amministrativa, autorevole e riconosciuto dal territorio. Insomma un amministratore locale, senza dubbio. L’accordo politico dovrà tener conto degli equilibri tra i partiti del centrosinistra che sono la maggioranza tra gli amministratori del Cilento. La fa da padrona chiaramente la componente PD. E’ iniziata quindi l’interlocuzione, al momento molto celata e fatta di telefonate e di “ho sentito dire”. Intanto si organizzano le fila, si preparano le cordate. Si vagliano le posizioni già consolidate; le disponibilità. Al momento un unico pensiero accomuna tutti: nessuno sopporterebbe la nomina di ripiego per dare spazio a qualche “trombato” della politica. (Lorenzo Peluso – QUASIMEZZOGIORNO)

Vedi anche

Pisciottana. Il Presidente Strianese ha approvato oggi il decreto di pubblica utilità del progetto

Pisciottana. Il Presidente Strianese ha approvato oggi il decreto di pubblica utilità del progetto. La Provincia …

Vaccinazioni a quota 15 milioni. “Immunità di gregge entro settembre”

Mentre l’Italia ha superato quota 15 milioni di vaccini anti-covid somministrati, l’Ue fa sapere che …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta