De Luca: ‘Qualcuno voleva la Campania in zona rossa’. Poi cita Totò e Peppino a Milano

Nel corso del consueto appuntamento con la videodiretta del venerdì, il Governatore Vincenzo De Luca ha fatto il punto della situazione sull’emergenza coronavirus in Campania, focalizzandosi in particolare sull’ultimo Dpcm che ha decretato la nostra regione quale “zona gialla” e sui prossimi provvedimenti che verranno presi per contrastare il contagio.“

LA DIRETTA. “Cari amici, dobbiamo commentare la decisione della Campania zona gialla: questa classificazione ha sorpreso molti, perché pensavano altro. A me questa classificazione non importa: io seguo la mia linea e la mia strategia. Qualcuno voleva che la Campania fosse zona rossa, dopo che per due mesi abbiamo subito un’aggressione mediatica, che hanno descritto una sanità falsa, anche molti amministratori delle varie ittà, che non hanno fatto nulla per contenere il contagio. Questi sogetti ora devono parlare male della nostra Regione. Mi ricordano Totò e Peppino a Milano, che dicevano che faceva per forza freddo a Milano; così la Campania non può essere organizzata. Siate uniti, responsabili e orgogliosi della vostra Regione, perché stiamo faceno un miracolo. I dati sono questi: in questi due mesi, in Italia si sono scontrate la prevenzione e le misure parziali e noi abbiamo scelto la prevenzione. Siccome abbiamo una densità abitattiva altissima, dobbiamo prevenire e anticipare delle mosse. So che è difficile, ma dobbiamo intervenire prima che sia troppo tardi. Noi abbiamo controllato dal 12 agosto chi veniva dall’estero, abbiamo chiuso le scuole, anticipato la campagna di vaccinazione. Il Governo ha fatto scelte diverse, proporzionali: io credo che sia inutile questa linea, come preferirei misure uguali per tutto il Paese. Bisognava chiudere tutto per un mese, anziché fare decreti su decreti e impanicare la gente. Questa linea Del Governo non fa prevenzione. Oggi sono chiuse quasi tutte le scuole in Italia: bisognava chiuderle prima. Il contagio è esploso con la riapertura delle scuole e la movida; ma ci vuole coraggio quando si governa. Loro non ne hanno abbastanza: dobbiamo essere uniti e fare di tutto per vincere questa battaglia. Ripeto che bisogna chiudere tutto, anche per sensibilità delle zone rosse: ma i dati della Campania sono veri. I dati dei ricoveri, delle terapie intensive e dei contagi, sono questi i dati che dobbiamo guardare: abbiamo poco più di 1000 ricoveri, 144 terapie intensive. Oggi abbiamo occupato quasi il 30% delle terapie intensive; in Lombardia e Piemonte questi dati sono altissimi. Noi abbiamo il più basso tasso di mortalità fra le Regioni. Abbiamo un venticinquesimo dei deceduti della Lombardia; abbiamo 23,9 degenti, la Lombardia ne ha 39, la Liguria 67, la Toscana 28, il Lazio 33. Per le terapie intensive, abbaimo 2,8 terapie intensive ogni 10000 abitanti e 11 morti. Il Piemonte ha 100 decessi, il Veneto 48. Questi sono i dati veri; lo dico a chi non ci crede. Dobbiamo essere più determinati per contenere il contagio: quando voglio l’unità, la voglio perché abbiamo molti meno impiegati nella sanità, nonostante abbiamo molti più abitanti in più. Ringrazio il personale sanitario, che sta facendo un miracolo. Ieri abbiamo avuto 175 terapie intensive rispetto a 600 disponibili: li attiviamo man mano che l’emergenza cresce. Per i posti leto, ne abbiamo più di 3000 disponibili e 1000 occupati. Negli ospedali torinesi, ci sono i materassi per terra: se fosse successo Da noi, sarebbe stata fine mondo. Noi siamo civili, non sciacalli, ma non possiamo abbassare la guardia. Chi è zona rossa protesta. Ma chi si ferma adesso si troverà ad aprire sotto Natale, chi, invece, tiene tutto aperto rischia di avere tutto chiuso a Natale e capodanno. Manteniamo le scuole chiuse e mi auguro che arrivino presto i congedi parentali e il bonus baby sitter: solo noi abbiamo inviato questa proposta. Troppi studenti sono risultati positivi, anche alle materne e alle elementari. I dati sono inequivocabili: non possiamo tenere aperte le scuole. Dobbiamo mettere in sicurezza i bambini.

Vedi anche

Scuola: De Luca proroga dad da seconda elementare fino al 7 dicembre

In Campania viene prorogato fino al 7 dicembre il regime di didattica a distanza dalla …

M5S: “Psr, Guardia di Finanza in uffici Regione Campania. Nostro esposto fondato”

I consiglieri regionali Cammarano e Saiello: “Ora fare chiarezza su anomalie”. I deputati Bilotti e …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta