Dal 1 luglio attivo il Bonus Vacanze: ecco a chi spetta e come richiederlo

A partire dal 1 luglio e fino al 31 dicembre gli italiani potranno richiedere il Bonus Vacanze, uno dei provvedimenti istituiti dal Governo per fronteggiare la crisi del turismo derivata dal Covid.

In un mare di incerette riguardo come si chieda il bonus e come si ottiene, l’Agenzia delle Entrate ha emanato una guida per sciogliere i dubbi di tutti gli italiani.

Ecco allora come funziona il Bonus Vacanze nel vademecun stilato da ilSole24ore:

Per chiedere il bonus il contribuente deve avere una Dichiarazione sostitutiva unica (DSU ) in corso di validità, da cui risulti un indicatore ISEE sotto la soglia di 40.000 euro. In caso positivo otterrà un codice univoco e un QR-code che potranno essere utilizzati per la fruizione del bonus.

Se la famiglia è composta da almeno tre persone il bonus può arrivare a 500 euro mentre il limite è 300 in caso di due componenti e 150 se si tratta di un single. Il bonus si utilizza per l’80% sotto forma di sconto per il pagamento del servizio turistico e per il 20% come detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi.

Le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione per i servizi resi da una sola struttura ricettiva e vanno documentate con fattura, documento commerciale o scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore, con indicazione del codice fiscale di chi intende fruire del bonus.

Per richiedere l’agevolazione il cittadino deve installare ed effettuare l’accesso a IO, l’app dei servizi pubblici, resa disponibile da PagoPA. E’ necessaria per l’accesso l’identità digitale SPID o la Carta d’Identità Elettronica (CIE 3.0).

L’80% dell’agevolazione viene attribuita ad uno qualunque dei componenti della famiglia sotto forma di sconto diretto, al momento del pagamento del servizio turistico presso la struttura ricettiva prescelta. Il restante 20% sarà portato in detrazione dalle imposte dovute nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno, dallo stesso soggetto che ha utilizzato lo sconto e che quindi dovrà essere l’intestatario della fattura, del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale.

Al momento del pagamento dell’importo dovuto chi intende fruire del bonus deve comunicare al fornitore il codice univoco generato dall’app IO o esibire il relativo QR-code.

La struttura ricettiva dovrà verificare la validità del bonus inserendo il codice univoco, il codice fiscale del cliente e l’importo del corrispettivo dovuto in una procedura web dedicata, disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, accessibile con le ordinarie modalità di accesso ai servizi telematici dell’Agenzia (SPID, CIE, credenziali Entratel/Fisconline).

In caso di esito positivo del riscontro, il fornitore può confermare a sistema l’applicazione dello sconto. Il fornitore recupera lo sconto fatto sotto forma di credito d’imposta che potrà essere utilizzato in compensazione nel modello F24 senza limiti di importo oppure potrà essere ceduto a terzi, anche diversi dai propri fornitori, compresi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari. La cessione dovrà essere comunicata all’Agenzia attraverso una procedura web dedicata.

Vedi anche

Imma Vietri (FdI): «Ombre sugli ospedali modulari, spesi 12 milioni dei cittadini campani»  

«Costruiti a tempo di record, gli ospedali modulari realizzati durante l’emergenza Covid rischiano di rimanere …

Fisco, Confesercenti: nel 2020 pressione fiscale torna a salire

Taglio del cuneo passo in avanti, ma lascia fuori 1,8 milioni di ‘ipertassati’ Irpef della …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta