Home / Politica / Corpo Forestale assorbito dai Carabinieri.Nasce il Comando Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare

Corpo Forestale assorbito dai Carabinieri.Nasce il Comando Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare

Nasce il Comando per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare, attraverso la riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato all’interno dell’Arma dei Carabinieri, con l’approvazione della riforma della Pubblica Amministrazione. Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare il decreto legislativo che prevede la razionalizzazione delle funzioni di polizia e l’assorbimento del Corpo forestale nell’Arma dei Carabinieri. L’assorbimento ha l’obiettivo di dare unitarietà e più forza anche alla funzione di controllo sul territorio valorizzando la specialità agroambientale.

Con la riforma – si legge in una nota del Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martinariorganizziamo le funzioni di polizia impegnate sul fronte agroambientale, dotando l’Italia di unamoderna struttura in grado di assicurare sempre meglio prevenzione e repressione su questo fronte. Uniamo le forze e potenziamo gli strumenti operativi. Il nuovo Comando assicurerà professionalità, specializzazione e un ramificato presidio del territorio rappresentando di certo una delle esperienze più avanzate d’Europa“.

A questo proposito interviene Fare Verde Campania, esprimendo il proprio punto di vista in merito all’accorpamento della Forestale nell’Arma. “È l’ennesima operazione di facciata di questo Governo –  dichiara Giuseppe Solla, Presidente Regionale dell’Associazione Ambientalista Fare Verde Campania – che complica la lotta alle eco-mafie e costringe il personale del Corpo Forestale dello Stato a non poter decidere sul suo futuro professionale e umano“.
Inoltre, – continua Solla – ci saranno dei costi ulteriori per l’acquisto di nuove divise, tinteggiatura dei mezzi e corsi di formazione per il personale; sarà necessario riallineare i diversi trattamenti stipendiali, in particolar modo degli alti vertici del CFS, con ulteriori spese per le casse dello Stato”.

Il Corpo Forestale da sempre ha combattuto –  prosegue – non solo per la tutela e la sicurezza ambientale, ma anche contro i reati delle ecomafie, contro i crimini ambientali soprattutto nella nostra Regione; basti pensare al impegno mostrato ogni giorno nel combatte contro la camorra nella Terra dei Fuochi, ma di questo a Renzi e al Ministro Madia, mentre firmavano il loro decreto, non ha importato nulla. Il Corpo Forestale dello Stato non esiste più. Le ecomafie ringraziano“.

Vedi anche

Centola.”La settimana della Cultura” oggi presentazione della seconda edizione presso la sede del Parco

VALLO DELLA LUCANIA – Sabato 25 maggio 2019, alle 15.30, presso la sede del Parco …

On. Gigi Casciello (Forza Italia): De Luca è un illiberale, i giornalisti non facciano più da megafono alla sua propaganda

“Il presidente della Regione Campania Enzo De Luca sta dimostrando il suo vero volto illiberale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta