Coronavirus, De Luca: “Commessi e clienti senza mascherina? Chiudere negozi”

ADNKRONOS – Un appello ai sindaci della Campania: “Bisogna chiudere con i vigili urbani i negozi nei quali si trovano commessi o clienti privi di mascherina”. A lanciarlo è il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che spiega: “Non è più tempo di sottovalutazioni. Abbiamo aperto l’Italia da un mese, il Governo nazionale ha ritenuto di aprire praticamente tutte le attività, abbiamo le serate che sono segnate da fenomeni di movida irresponsabile, ci sono decine di migliaia di giovani che pensano che il problema non esista più. Questa è una posizione irresponsabile”.  Ecco perché, sottolinea De Luca, “credo che sia arrivato il momento di prendere anche misure repressive, di penalizzare chi non rispetta le regole elementari. Possiamo convivere con l’apertura delle attività economiche – aggiunge – ma a condizione che ci sia senso di responsabilità da parte di tutti, soprattutto dei ragazzi. Se arriva uno dal Bangladesh o dalla Moldavia che non viene controllato all’aeroporto di partenza può capitare, ma non deve capitare con i nostri concittadini. Se portiamo la mascherina e ci laviamo spesso le mani possiamo convivere alcuni mesi in attesa del vaccino, altrimenti faremo fatica ad arrivare a settembre, perché se i focolai si moltiplicano diventa complicato rincorrere uno per uno tutti i contatti della persona contagiata. La situazione non è drammatica – conclude De Luca – ma può diventarlo se continuiamo a comportarci in maniera irresponsabile”.

In Campania sul fronte coronavirus “non ci sono preoccupazioni particolari, siamo più o meno nella norma”, ha detto ancora De Luca spiegando: “Oggi registriamo 6 contagi, 4 di questi legati a una famiglia venuta dalla Moldavia e altri 2 sono contatti avuti da commercianti in un quartiere di Salerno. Ovviamente niente di drammatico, ma bisogna tenere gli occhi aperti”.

Quanto a un ritorno dell’obbligo dell’uso della mascherina all’aperto “diventerà inevitabile se c’è una moltiplicazione dei contagi”, ha aggiunto..

“L’importante è dire ai giovani – ha detto ancora De Luca – che quando si incontrano la sera e stanno uno addosso all’altro, quello è il momento in cui bisogna utilizzare la mascherina. Se si passeggia in luoghi aperti e tranquilli si può stare senza, ma se ci sono 200 persone bisogna indossarla. Poi nessuno ci garantisce, quando entriamo in un bar, su chi è andato prima di noi. E’ evidente che ci vuole molta prudenza, bisogna evitare di bere dagli stessi bicchieri e dalle stesse bottiglie, non è che se beviamo dalla stessa bottiglia siamo dei fenomeni. Un po’ di prudenza e di senso di responsabilità e andremo avanti, dobbiamo governare questi mesi con intelligenza e prudenza”. (ADNKRONOS)

Vedi anche

Agropoli. Niente banchi monoposto, salta apertura liceo scientifico “Alfonso Gatto”

AGROPOLI – Niente banchi monoposto al liceo scientifico statale “Alfonso. Gatto” di Agropoli (Salerno) e …

Tetti di spesa esauriti, da oggi si pagano visite cardiologiche e esami radiografici

Lo stop è arrivato prima del previsto. Esauriti già i tetti di spesa, da oggi …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta