Contributo a fondo perduto. Decreto Ristori: elenco attività, ecco a chi spetta

Il Governo dopo le restrizioni del D.P.C.M. 25 ottobre 2020 ha approvato il Decreto Ristori, contenente il contributo a fondo perduto per le attività oggetto di restrizioni. Si tratta di una nuova edizione del contributo a fondo perduto del Decreto Rilancio. Spetta una percentuale del calo di fatturato e corrispettivi confrontando aprile 2020 con aprile 2019.

La percentuale va dal 20% per chi ha ricavi o compensi del periodo d’imposta 2019 non superiore a 400 mila euro, al 15% per chi ha ricavi o compensi del periodo d’imposta 2019 tra 400 mila e 1 milione di euro, al 10% tra un milione e cinque milioni. Ma va moltiplicata per le percentuali previste dal Decreto Ristori, che elevano fino a 4 volte l’effettivo importo spettante.

Questa nuova edizione del contributo a fondo perduto abbraccia anche chi ha ricavi o compensi superiori ai 5 milioni di euro, e sono rientranti nell’elenco attività beneficiarie.

La novità importante del contributo a fondo perduto del Decreto Ristori è nella platea dei beneficiari e nelle percentuali di spettanza, che vanno dal 100% come nel caso dei taxi, al 150% come nel caso di alberghi e villaggi turistici, al 400% nel caso delle discoteche.

Coloro che hanno già ricevuto il contributo a fondo perduto del Decreto Rilancio, per espressa previsione normativa nel Decreto “Ristori”, ossia il Decreto Legge n. 137 del 28 ottobre 2020, riceveranno il pagamento direttamente sull’iban ricevente il primo contributo a fondo perduto già ricevuto. E pertanto tali attività sono interessate a sapere quale è la percentuale spettante.

Elenco codici ateco attività e percentuale spettante

La percentuale del 100% significa che percepiranno lo stesso importo calcolato secondo la normativa del contributo a fondo perduto del Decreto Rilancio.

La percentuale del 150% ovviamente significa che percepiranno il contributo a fondo perduto già percepito moltiplicato per 1,5.

Lo stesso discorso per la percentuale del 200%, che significa percepire il doppio del contributo a fondo perduto già ricevuto col Decreto Rilancio.

Per le Discoteche, sale da ballo night-club e simili arriverà un contributo a fondo perduto nella percentuale del 400% ossia 4 volte il contrubuto già ricevuto col decreto Rilancio.

Vediamo subito l’elenco delle attività, classificate secondo i codici ateco e la relativa percentuale spettante:

493210 – Trasporto con taxi – 100,00%;
493220 – Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente – 100,00%;
493901 – Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano – 200,00%;
551000 – Alberghi – 150,00%;
552010 – Villaggi turistici – 150,00%;
552020 – Ostelli della gioventù – 150,00%;
552030 – Rifugi di montagna – 150,00%;
552040 – Colonie marine e montane – 150,00%;
552051 – Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence – 150,00%;
552052 – Attività di alloggio connesse alle aziende agricole – 150,00%;
553000 – Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte – 150,00%;
559020 – Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero – 150,00%;
561011 – Ristorazione con somministrazione – 200,00%;
561012 – Attivita’ di ristorazione connesse alle aziende agricole – 200,00%;
561030 – Gelaterie e pasticcerie – 150,00%;
561041 – Gelaterie e pasticcerie ambulanti – 150,00%;
561042 – Ristorazione ambulante – 200,00%;
561050 – Ristorazione su treni e navi – 200,00%;
562100 – Catering per eventi, banqueting -| 200,00%;
563000 – Bar e altri esercizi simili senza cucina – 150,00%;
591300 – Attivita’ di distribuzione cinematografica, di video e di programmi televisivi – 200,00%;
591400 – Attivita’ di proiezione cinematografica – 200,00%;
749094 – Agenzie ed agenti o procuratori per lo spettacolo e lo sport – 200,00%;
773994 – Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi – 200,00%;
799011 – Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento – 200,00%;
799019 – Altri servizi di prenotazione e altre attivita’ di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca – 200,00%;
799020 – Attivita’ delle guide e degli accompagnatori turistici 200,00%;
823000 – Organizzazione di convegni e fiere – 200,00%;
855209 – Altra formazione culturale – 200,00%;
900101 – Attivita’ nel campo della recitazione –  200,00%;
900109 – Altre rappresentazioni artistiche – 200,00%;
900201 – Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli – 200,00%;
900209 – Altre attivita’ di supporto alle rappresentazioni artistiche – 200,00%;
900309 – Altre creazioni artistiche e letterarie – 200,00%;
900400 – Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche – 200,00%;
920009 – Altre attivita’ connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo) – 200,00%;
931110 – Gestione di stadi – 200,00%;
931120 – Gestione di piscine – 200,00%;
931130 – Gestione di impianti sportivi polivalenti – 200,00%;
931190 – Gestione di altri impianti sportivi nca – 200,00%;
931200 – Attivita’ di club sportivi – 200,00%;
931300 – Gestione di palestre – 200,00%;
931910 – Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi – 200,00%;
931999 – Altre attivita’ sportive nca – 200,00%;
932100 – Parchi di divertimento e parchi tematici – 200,00%;
932910 – Discoteche, sale da ballo night-club e simili – 400,00%;
932930 – Sale giochi e biliardi – 200,00%;
932990 – Altre attivita’ di intrattenimento e di divertimento nca – 200,00%;
949920 – Attivita’ di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby – 200,00%;
949990 – Attivita’ di altre organizzazioni associative nca – 200,00%;
960410 – Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali) – 200,00%;
960420 – Stabilimenti termali – 200,00%;
960905 – Organizzazione di feste e cerimonie – 200,00%.
Coloro che non hanno ricevuto il contributo a fondo perduto col Decreto Rilancio dovranno calcolare il contributo a fondo perduto previsto dalla normativa del Decreto Rilancio, tenendo conto della nuova normativa del Decreto Ristoro, soprattutto applicando la percentuale che moltiplica l’importo effettivamente spettante, che sarà erogato dall’Agenzia delle Entrate.

 

Vedi anche

Scuola: De Luca proroga dad da seconda elementare fino al 7 dicembre

In Campania viene prorogato fino al 7 dicembre il regime di didattica a distanza dalla …

M5S: “Psr, Guardia di Finanza in uffici Regione Campania. Nostro esposto fondato”

I consiglieri regionali Cammarano e Saiello: “Ora fare chiarezza su anomalie”. I deputati Bilotti e …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta