Capaccio.“Gli scarichi illegali avvelenano il Sele”

Nella città dei Templi vivono più bufale che residenti. E questo è non solo una curiosità ma un dato di fatto. Ma se da un lato la zootecnia rappresenta una ricchezza immensa per il territorio e per l’economia dall’altro, per colpa di allevatori incoscienti e incivili, a volte si trasforma in un danno per il territorio e soprattutto per l’ambiente. Non tutti i titolari di aziende zootecniche infatti, rispettano le regole imposte dalla normativa ambientale per lo smaltimento dei reflui provenienti dai paddock dove stazionano le bufale. In alcuni casi, come purtroppo dimostrano i diversi sequestri effettuati dalle forze dell’ordine, le aziende sono sprovviste delle vasche di raccolta per i liquami e sversano i reflui direttamente nei canali e nei corsi d’acqua. L’ultima segnalazione relativa ad un possibile inquinamento, arriva dalla borgata di Ponte Barizzo. In particolare, il tratto interessato è quello situato all’altezza della Foce del fiume Rio Ciorlitto in località Brecciale – Ponte Barizzo. Nel tratto fluviale l’acqua è marrone ed è caratterizzata da una schiuma bianca e in più di un’occasione, a detta dei residenti, sono visibili tracce di letame che dimostrano lo sversamento illegale di questa tipologia di rifiuti. ” Per produrre la mozzarella, il cosiddetto oro bianco della Piana del Sele – denuncia uno dei residenti – riversano nel fiume il letame proveniente dagli allevamenti bufalini. Gli imprenditori si arricchiscono e noi siamo costretti a subire le conseguenze del loro atteggiamento irresponsabile. Dobbiamo sentire il lezzo maleodorante e non possiamo più pescare per la presenza di liquami nel fiume”. Lo sversamento dei reflui zootecnici nei canali e nei fiumi è una delle problematiche più importanti per un territorio, che registra la presenza di moltissime aziende bufaline. Azioni incivili, che rischiano di alterare l’ecosistema fluviale compromettendo le condizioni riproduttive dell’ittiofauna e della mammalofauna. Questa tipologia di rifiuti andrebbe smaltita attraverso procedure specifiche stabilite dall’apposita normativa. A Gromola e Foce Sele insiste il 60% dei capi bufalini. Un segmento della filiera agro-alimentare rappresentato da 146 aziende zootecniche che posseggono 24.738 capi di cui 2.324 bovini (pari al 9,39% del totale) e 22.414 capi bufalini (pari al 90,615%). Un settore importante che deve avere delle risposte con forti azioni di sostenibilità, i reflui infatti bisogna tenerli confinati a tutela dell’ambiente. Il comparto si avvale della presenza di una delle zone agricole più produttive della Campania. A Capaccio, e comuni limitrofi, rientrano nel disciplinare di produzione Igp e Dop, la ricotta e la mozzarella di bufala campana, e il caciocavallo Silano. Un settore fondamentale che va disciplinato. Le aziende devono essere dotate di vasche di raccolta per i liquami, che dovrebbero essere ritirati da ditte specializzate. In alternativa possono essere sparsi su terreni indicati dagli allevatori. ” Siamo stufi – concludono i residenti – fiumi e canali sono spesso sversatoi di scarti zootecnici e dell’agricoltura. La verità è che le persone oneste pagano le tasse ed i furbi e gli incivili si rendono responsabili di questi disastri per l’ambiente”. Recentemente a Capaccio sono stati effettuati almeno una decina di sequestri dalla Forestale in aziende zootecniche dove venivano violate le normative per lo smaltimento dei liquami. Illeciti che hanno portato ad altrettante denunce alla Procura della Repubblica per inquinamento.

Vedi anche

Sabato 19 settembre: “World Cleanup Day 2020” a Casal Velino

Ancora tre giorni – nonostante la persistenza dell’emergenza covid- 19, la cittadina di Casalvelino guarda …

Mediterraneo da remare #PlasticFree fa tappa a Camerota, sabato 12 settembre, in vista di Speleo Kamaraton 2021

Mediterraneo da remare, la campagna nazionale itinerante promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta