Home / Politica / Camerota Riparte Informa, Guzzo: “Progetto Terradamare finito. Si torni subito al voto”

Camerota Riparte Informa, Guzzo: “Progetto Terradamare finito. Si torni subito al voto”

Si infiamma sempre di più il clima politico a Camerota. Le opposizioni tornano all’attacco dell’amministrazione Scarpitta. Dopo le accuse dei giorni scorsi mosse dal capogruppo di Viva Camerota, Orlando Laino, è la volta del leader e capogruppo di Camerota Riparte, Pierpaolo Guzzo. Nel corso del consueto appuntamento in onda su CilentoTV, “Camerota Riparte Informa”, il consigliere di opposizione Guzzo non ha lesinato critiche nei confronti del primo cittadino di Camerota Scarpitta: ” La crisi economica in cui il nostro comune è caduto è certificata da alcuni dati, come la classifica che su 150 comuni della provincia di Salerno,vede Camerota al 143esimo posto per reddito pro capite. Insomma, siamo tra gli ultimi, e questo fa riflettere se poi consideriamo che, al contrario, abbiamo il triste primato di essere tra i primi, a livello provinciale, per tassazione. E’ una situazione disastrosa, aggravatasi negli ultimi anni. Purtroppo manca una visione a livello amministrativo”. Poi Guzzo ha rincarato la dose sulla materia finanziaria,partendo dalle recenti dichiarazioni dell’ex vice sindaco Francesco Calicchio: ” Le affermazioni di Calicchio sulla mancata sottoscrizione di numerosi accordi transattivi che chiudevano contenziosi pregressi sono molto gravi, anche se non ci meravigliano, poichè siamo abituati ai proclami di Scarpitta. Basti ricordare che alcuni anni fa in pubblica piazza il sindaco affermò che c’erano 15milioni di euro di debiti fuori bilancio. Bene, nonostante insieme agli altri colleghi dell’opposizione,abbiamo fatto formale richiesta degli atti, non abbiamo mai ricevuto risposta. Ormai la giustificazione di Scarpitta secondo cui lui avrebbe ereditato una situazione economica disastrosa non fa piu testo. Chi amministra – ha chiosato Guzzo- deve affrontare e risolvere i problemi non solo enunciarli. D’altronde si ereditano problemi, ma anche progettualità di cui Scarpitta non perde tempo a prendersi i meriti, ma che come tutti sanno provengono dalle gestioni passate. Come spesso denunciato – rincara la dose il consigliere di opposizione- sul fronte delle opere pubbliche l’amministrazione Scarpitta non ha prodotto nulla in termini di programmazione”. Scarpitta secondo la tesi di Guzzo avrebbe tradito anche il “patto d’onore”, dal momento che: ” le ditte e la manovalanza locale sono stati completamente esclusi,cosi come i professionisti del territorio, e sempre di più sono gli incarichi che vengono affidati a soggetti provenienti dall’esterno del comune di Camerota”. Anche sulla gestione delle società partecipate Guzzo è categorico: ” Abbiamo tentato invano di ottenere documentazione in merito, e soprattutto non comprendiamo perchè l’amministrazione Scarpitta abbia tentato con un colpo di mano la messa in liquidazione delle due società senza prima tener conto dei rilievi fatti dal commissario prefettizio prima nel 2017 e poi dalla stessa amministrazione comunale in seguito sulla situazione debitoria di entrambe. Vogliamo vederci chiaro”. Il capogruppo di Camerota Riparte vede “una continuità tra l’attuale amministrazione e la passata gestione”. Infine Pierpaolo Guzzo ha toccato il tema “caldo” del momento: la Soget. ” Sulla Soget la nostra posizione è stata sempre di chiara e netta contrarietà. A pochi mesi dall’insediamento della Giunta Scarpitta come molti ricorderanno, avevano chiesto la convocazione di un consiglio comunale, per far votare la rescissione del contratto con la Soget, viste le numerose anomalie che avevamo riscontrato. Purtroppo l’ammistrazione Scarpitta ha voluto difendere la Soget, e addirittura potenziarla, affidandogli altri servizi, come i parcheggi. Non dimentichiamo anche la modifica del contratto con la Soget che a nostro avviso rappresenta un’altra violazione. Il sindaco Scarpitta non ha voluto tenere conto nemmeno delle 2200 firme di cittadini coraggiosi e determinati che avevano voluto dire un secco no alla Soget, ma nemmeno questo ha impedito a Scarpitta di continuare a difendere questa società che tante difficoltà sta creando alle imprese e alle famiglie camerotane”. Sulla vicenda poi Guzzo esamina una recente nota dell’Autorità nazionale Anticorruzione: “Nonostante questa nota, che mette in discussione in maniera molto pesante il rapporto tra Soget e Comune di Camerota, sia stata notificata al sindaco il 23 Luglio scorso, la stessa è stata tenuta nascosta alla popolazione. Ci chiediamo il perchè? E’ un fatto molto grave”. “Io ritengo – ha concluso Guzzo- che il progetto Terradamare è naufragato. A questo punto sarebbe meglio tirare le somme e…tornare a votare!” (COMUNICATO STAMPA – CAMEROTA RIPARTE)

Ecco la puntata di Camerota Riparte Informa andata in onda su CilentoTV il 17-01-2020

Vedi anche

Camerota, interrogazione “Bilancio consolidato”: la risposta del Sindaco ai Gruppi Consiliari proponenti

INTERROGAZIONE BILANCIO CONSOLIDATO: LA RISPOSTA DEL SINDACO DI CAMEROTA AI GRUPPI CONSILIARI PROPONENTI Ai sigg.ri …

Coronavirus, De Luca: “Caso probabile in Campania, aspettiamo ministero”

“E’ di pochi minuti fa la notizia che abbiamo inviato dalla Campania a Roma un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta