Home / Cronaca / Camerota. Polisportiva Marina 1977 il comunicato stampa del Presidente Tommaso Pezzuti

Camerota. Polisportiva Marina 1977 il comunicato stampa del Presidente Tommaso Pezzuti

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa del Presidente della Polisportiva Marina 1977 Tommaso Pezzuti.

Scrivo queste righe in risposta al comunicato stampa apparso in data 8 settembre 2019 sulla
pagina Facebook “Polisportiva Marina” contenente le dichiarazioni della signora Valentina
Marsicano, tese ad attaccare e denigrare la mia persona in qualità di Presidente della società
calcistica. È doveroso, a questo punto e mio malgrado, fare chiarezza rispetto ai fatti raccontati
in maniera nebulosa e faziosa dalla sopraccitata signora, soprattutto per dovere morale nei
confronti dei miei compaesani che sempre hanno sostenuto la squadra locale con passione e
attaccamento.
Gli ultimi anni di storia della “Polisportiva Marina 1977” sono noti a tutti. Marina di Camerota,
d’inverno, è un paese piccolo, dove tutti ci conosciamo e tutti sappiamo cosa succede all’interno
delle nostre realtà sportive, sempre difficili da gestire e da portare avanti.
Con molta passione e senza alcun tipo di secondo fine, nel 2017, ho preso in mano la società per
evitare che il calcio a Marina di Camerota finisse e mi sono onorato di rappresentarla per due
stagioni calcistiche, con non pochi sacrifici. Purtroppo ai problemi atavici che soffrono un po’
tutte le squadre delle realtà locali si sono aggiunti i problemi legati al modus operandi di alcuni
membri della società che hanno applicato la regola dello spogliatoio ovunque, anche in strada
e nei rapporti personali, tanto che molte persone, quando hanno avuto vedute differenti dalle
loro, si sono viste togliere il saluto e persino cancellare l’amicizia sui social network. Di esempi e
nomi e cognomi, tra calciatori e dirigenti che si sono succeduti, potrei farne a iosa ma evito per
discrezione. Inoltre la predetta signora ha trasformato la “Polisportiva Marina 1977” in una S.p.A.
a socio unico, decidendo autonomamente chi doveva giocare, chi doveva essere pagato, quali
gli sponsor da prendere, dove acquistare il materiale sportivo, senza condividere e mettere a
conoscenza delle entrate e delle uscite societarie. Errore anche mio, lo ammetto!
Ho sbagliato soprattutto quando il Sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, dopo le
nostre richieste di aiuto, aveva proposto di mettere insieme una cordata di imprenditori per
rilevare la società e rifondare l’assetto dirigenziale, dal presidente al tesoriere, passando per
il vice presidente e il segretario. Ho fatto orecchie da mercante e mi sono impuntato perché
nessuna delle persone presenti nell’assetto societario fosse sostituita continuando a fidarmi di
queste persone che oggi mi accusano di aver venduto la società “Polisportiva Marina 1977” alla
città di Sapri.
Smentisco anche questa cosa, con carte alla mano, come sono abituato a fare. (Vedi allegato 1)
Appena terminati i play out del campionato di prima categoria Campania 2018/2019,
mister Luigi Infantini (all’epoca mister e vice presidente) ha tenuto una conferenza stampa con
la squadra di calcio di Lentiscosa e ha firmato come nuovo allenatore dei biancoverdi. Con lui
ha portato a Lentiscosa la maggior parte dei tesserati della “Polisportiva Marina 1977”. Già
a giugno la Polisportiva vedeva una rosa risicatissima di pochissimi elementi e non aveva un
allenatore. In data 3 luglio 2019, la signora Marsicano, infatti, aveva svincolato, a mia insaputa,
tutti i calciatori della Polisportiva Marina.(Vedi allegato 2).
È necessario mettere in chiaro che il titolo di una squadra di calcio non può restare fermo per un
campionato e poi essere ‘riattivato’ l’anno successivo. Lo dice la Lega, articolo 16 NOIF, e non il
sottoscritto!
Visto che ero rimasto solo, visto che non avevo uno staff tecnico nè i calciatori, ho deciso di
far giocare il Sapri Calcio con il titolo della “Polisportiva Marina 1977”. Ad oggi il sottoscritto è
ancora il presidente della Polisportiva Marina, e, tra l’altro, ha ereditato-è doveroso ricordarlocirca 2000 euro di debiti.
Se non avessi fatto in questo modo, il titolo
sarebbe finito nelle mani della Lega per ‘mancata iscrizione’. Dov’eri tu, egregia signora, dopo
la fine del campionato, quando la lega e la banca mi chiamavano per la copertura del nostro
debito?
Non ho compiuto niente alle spalle di nessuno, ho agito solo ed esclusivamente per il bene della
Polisportiva Marina, di Marina di Camerota e di tutti i tifosi.
Infine,last but bot least,mi spiace sottolineare che proprio “grazie ” a certe persone, sedicenti
“sportive”, è iniziato il processo di decadenza e degrado, “esodo” e fuga, del calcio, e di tutti i suoi
esponenti, a Marina di Camerota.
Invece di minacciare querela al margine di un comunicato stampa, tra l’altro pubblicato
impropriamente sulla pagina social della società, la signora farebbe bene a rendere note le
cifre concernenti le entrate e le uscite degli ultimi anni di campionato, per una questione di
trasparenza ed anche di rispetto per quanti hanno sostenuto ed amato la squadra.

Il presidente della Polisportiva Marina 1977
Tommaso Pezzuti

Vedi anche

Mille bambini senza cure nel salernitano, Imma Vietri: «Istituzioni incapaci»

Cure riabilitative negate a oltre mille bambini nella provincia di Salerno: «Le Istituzioni non possono …

Clan e affari, Salerno “capitale” della mala

Peggio di Catania e Brindisi. Secondi a Reggio Calabria, che guida la classifica, Crotone, Napoli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta