Home / Ambiente / Camerota. Guardia Costiera sequestra attività di ristorazione per mancato rispetto della normativa ambientale

Camerota. Guardia Costiera sequestra attività di ristorazione per mancato rispetto della normativa ambientale

Nell’ambito di un’accurata attività investigativa portata avanti nel periodo estivo dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro, si è accertato che un’attività di ristorazione sita nel Comune di Camerota sversava i reflui e le acque di lavorazione tramite tubazioni abusive, ben occultate nel terreno, direttamente nel suolo.

In particolare, durante il sopralluogo il personale intervenuto ha verificato che l’intero sistema di raccolta dei reflui era abusivo, realizzato in maniera del tutto artigianale e, dunque, in violazione della normativa ambientale di riferimento.

Si è infatti rilevato che i reflui confluivano in n. 2 vasche di raccolta non autorizzate, di cui una a tenuta ed una di natura artigianale, con conseguente dispersione degli stessi direttamente su nudo terreno.

Gli scarichi di lavorazione, invece, confluivano tutti in una fossa a cielo aperto, opportunamente occultata da cumuli di sterpaglie.

Tale sistema di smaltimento dei reflui e dei residui di lavorazione creato, pone in potenziale pericolo l’ecosistema marino e costiero dato che l’attività di ristorazione sequestrata si trova in un’area particolarmente sensibile in quanto sita all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo del Diano e Alburni e a pochi metri dall’Area marina protetta Costa degli Infreschi e della Masseta e per questo ancora più attenzionata.

I controlli sono stati eseguiti in collaborazione con il Comune di Camerota e con la Società CONSAC gestioni idriche spa.

L’attività d’indagine condotta, si colloca nei più ampi controlli effettuati dal Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera per il rispetto della normativa ambientale.

Sarà perseguita ogni attività commerciale che smaltisce in maniera illecita i reflui. – fa sapere il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro, T.V. (CP) Francesca Federica DEL RE–  È una problematica che incide significativamente sulla qualità delle acque e sul patrimonio ambientale costiero, motivo di vanto anche delle stesse attività commerciali che con la loro condotta illecita contribuiscono, invece, ad inquinare.

Vedi anche

Pace Fiscale: nuova chance per chi ha saltato pagamenti

Al via i servizi online per oltre 1,8 milioni di contribuenti che hanno aderito ai …

Evasione Fiscale: GdF sequestra 360mila euro a società operante nel campo farmaceutico

La Guardia di Finanza di Cava de’ Tirreni, su disposizione di questa Procura, ha eseguito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta