Home / Cronaca / Camerota, caso Playa El Flamingo. Riesame: ok al dissequestro

Camerota, caso Playa El Flamingo. Riesame: ok al dissequestro

Dopo oltre un mese dai provvedimenti  operati dai carabinieri e dalla capitaneria di Porto, la nota struttura balneare di Marina di Camerota “Playa El Flamingo, ottiene il dissequestro. Il Tribunale del Riesame di Salerno  ha autorizzato la rimozione dei sigilli. Il collegio, composto dai giudici Elisabetta Boccassini, Emiliana D’Ascoli e Dolores Zarone, ha accolto l’istanza presentata dall’avvocato difensore, il penalista Marco Fimiani. Annullato dunque il decreto emesso ad Agosto scorso dal Gip del Tribunale di Vallo della Lucania. Lo stabilimento balneare,che da anni rappresenta uno dei principali luoghi di incontro della movida cilentana, è rimasto chiuso per gran parte di Agosto e per l’intero mese di settembre. Il titolare Josè Antonio Pomarico non ha voluto commentare le decisioni della magistratura ma si è limitato a “ringraziare l’avvocato Marco Fimiani per l’eccellente lavoro svolto a difesa della nostre ragioni”. La difesa ha puntato molto sulla “carenza di motivazioni contenuta nel decreto di sequestro”. Infatti, si legge sempre nel ricorso proposto dall’avvocato Fimiani: ” Le variazioni riscontrate rispetto alle opere assentite in concessione avrebbero carattere di esiguità, pertanto non avrebbero prodotto modifiche sostanziali al titolo concessorio”. Tale considerazione è stata poi figurativamente descritta nel libello difensivo quando le variazioni contestate dai carabinieri e dalla capitaneria di porto sono stati definiti “suppellettili rimovibili” e non “opere” non autorizzate e per questo non rientranti nella definizione di “innovazioni non autorizzate”, cosi definite nel provvedimento di sequestro. La tesi difensiva ha poi evidenziato come “il Pomarico è in possesso di tutte le autorizzazioni amministrative necessarie per svolgere la propria attività turistico-stagionale-ricreativa, consistente nel servizio spiaggia,servizio bar,compreso l’intrattenimento serale”. L’impianto difensivo ha retto al cospetto del Tribunale del Riesame di Salerno che ha disposto il dissequestro e la restituzione dei beni al proprietario di Playa El Flamingo.

Vedi anche

Scafati, L’ex Sindaco Aliberti torna libero e si sfoga: “In carcere ho pregato per chi mi ha ferito”

Dopo la decisione del tribunale di Nocera Inferiore di concedergli la libertà con divieto di dimora a Scafati e …

Un commento

  1. IL SOLITO ABUSO DI POTERE da parte delle Forze dell’ordine (Capitaneria e Carabinieri), non da meno alcuni funzionari comunali…..

    Spero che i gestori dello stabilimento balneare PLAYA EL FLAMINGO facciano un DENUNCIA per DANNI economici e morali…così, prima di sequestrare ci pensano non due volte, non tre volte >> ma 10 volte!!!

    Questa stagione estiva a Camerota c’è stata una persecuzione ed accanimento nei confronti di alcune ATTIVITÀ BALNEARE, dove lavorano sempre con le regolari autorizzazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta