Home / Cronaca / Camerota. Caos Polisportiva Marina 1977. Prosegue la querelle

Camerota. Caos Polisportiva Marina 1977. Prosegue la querelle

Non si placa la querelle in merito alla Polisportiva Marina. Ormai il titolo è passato al Sapri e il botta e risposta tra Tommaso Pezzuti ex presidente che, in mattinata con una nota stampa ha risposto a Valentina Marsicano dirigente della società arancionera, prosegue a colpi di comunicati e di documenti ben “esibiti e visibili” sui social. Così, Valentina Marsicano, attraverso questi documenti mostrati su Facebook, ha voluto rispondere forse, per l’ultima volta a Pezzuti, chiarendo la propria posizione in merito: “Rispondendo al Sig. Tommaso Pezzuti se così possiamo definirlo, posso dire che ha ragione, è vero ci siamo occupati di tutto noi, noi abbiamo pensato alle trasferte, noi abbiamo pensato alle visite mediche, noi abbiamo pensato a cercare sponsor per pagare tutte le spese che un campionato di prima categoria richiede, noi abbiamo pensato a tutto – esordisce Marsicano -. Ora mostro tutte le entrate e le uscite che abbiamo sostenuto nell’anno calcistico non perché abbiamo bisogno di difenderci, perché si sa chi tra i due mente, ma giusto per essere chiari una volta per tutte. E comunque gli svincoli sono stati effettuati dall’ufficio del Signor Pezzuti e non a sua insaputa come ritiene. Penso che sia il caso di chiedere scusa e tacere” – ha poi concluso Marsicano -. In tutto questo marasma chi ha perso davvero è la cittadinanza di Marina di Camerota e tutti i tifosi di una gloriosa squadra che, in passato ha vantato numerose partecipazioni nel campionato di Promozione e vent’anni fa si rese protagonista di un’indimenticabile cavalcata con conseguente salto in Eccellenza che, ancora oggi nel borgo costiero nessuno dimentica. (Omar Domingo Manganelli)

  

Vedi anche

Mille bambini senza cure nel salernitano, Imma Vietri: «Istituzioni incapaci»

Cure riabilitative negate a oltre mille bambini nella provincia di Salerno: «Le Istituzioni non possono …

Clan e affari, Salerno “capitale” della mala

Peggio di Catania e Brindisi. Secondi a Reggio Calabria, che guida la classifica, Crotone, Napoli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta