Blocchi e lockdown, ecco i 3 scenari del Comitato tecnico scientifico

Il Comitato tecnico scientifico (Cts) ha elaborato un documento con tre scenari di diffusione del virus per ognuno dei quali vengono indicate le misure da adottare per fronteggiare in modo adeguato il Covid-19.

Allarme giallo

Con un indice Rt regionale tra 1 e 1,25 (che rispecchia la situazione attuale) scatteranno interventi straordinari solo in aree geografiche limitate. Si studieranno misure per rafforzare il distanziamento sociale e ci saranno eventuali zone rosse solo a livello locale. La chiusura delle attività sociali, culturali e sportive (tra cui discoteche, bar e palestre) verrà valutata caso per caso e potrebbe avvenire anche per fascia oraria. Possibile che il Governo adotti misure come il coprifuoco per i locali a partire dalle 24, il divieto di vendita di alcolici dopo una certa ora, la sosta off limits in piedi fuori dagli stessi. Così come potrebbero scattare limitazioni per eventi pubblici e feste private, compresi nozze e battesimi, fino ai funerali.

Verrà chiesto alle aziende di favorire lo smart working al fine di ridurre l’affollamento dei trasporti pubblici e delle sedi lavorative. Potrà essere valutato uno stop temporaneo alla mobilità in piccole aree. Per quanto riguarda le scuole, sarà possibile chiedere di indossare le mascherine anche quando gli studenti sono seduti al banco. Arriverà la direttiva di favorire lezioni a distanza e scaglionamento di quelle in presenza.

Allarme arancione
Con un indice Rt regionale tra 1,25 e 1,5 gli interventi straordinari saranno più numerosi. Il distanziamento sociale verrà imposto attraverso rigidi controlli. Nelle zone rosse scatterà un lockdown temporaneo, la cui durata verrà valutata a seconda dell’indice Rt. Verranno interrotte tutte le attività sociali, culturali e sportive a maggior rischio di assembramenti.

Scatteranno restrizioni alla mobilità da e verso aree dove il virus circola maggiormente. Sarà valutata caso per caso l’interruzione delle attività produttive che presentano situazioni a rischio. Potrebbe essere vietata la mobilità interregionale. Per quanto riguarda la scuola, verrà dato ai presidi la possibilità di obbligare i propri studenti a indossare sempre le mascherine. Le lezioni in presenza avverranno su più turni. Sarà possibile valutare la chiusura temporanea degli istituti.

Allarme rosso
Se l’indice Rt regionale dovesse superare l’1,5 il governo sarà costretto a percorrere la strada del lockdown su grande scala. La tenuta del sistema sanitario, in questo scenario, è ritenuta a rischio nel breve periodo. L’imperativo, se ci troveremo in questa situazione, sarà quello di evitare il collasso. Verranno chiuse tutte le scuole e le università e potrebbero arrivare stop alle attività produttive ritenute non essenziali. Sarebbe una replica, a tutti gli effetti, del primo lockdown.

Vedi anche

Covid. Nei guai i “furbetti” dei buoni spesa: 13 denunciati a Montecorvino Rovella

Tredici persone sono state denunciate dai carabinieri della stazione di Montecorvino Rovella. Si tratta  di 9 …

Maltempo in Campania.Protezione Civile, prorogata a domani l’allerta per vento forte

La Protezione Civile della Regione Campania ha prorogato l’avviso di allerta meteo per vento forte …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta