Home / Cultura / Banca del Cilento, riorganizzata la Rete Commerciale. Viggianello, focus sullo Spopolamento dei Piccoli Comuni

Banca del Cilento, riorganizzata la Rete Commerciale. Viggianello, focus sullo Spopolamento dei Piccoli Comuni

Essere sempre più presente nei comprensori di riferimento, velocizzare i tempi di erogazione dei servizi e rafforzare le proprie caratteristiche di concreta realtà bancaria, particolarmente sensibile nell’ascoltare tutte le istanze che pervengono dai territori. Sono alcune delle finalità che hanno guidato il Direttore Generale della Banca del Cilento, di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania Ciro Solimeno nella riorganizzazione della Rete Commerciale dell’Istituto Bancario con sede a Vallo della Lucania, con il sostegno del Consiglio di Amministrazione guidato dal presidente Silvano Pasquale Lucibello. Tra i primi appuntamenti che hanno visto protagonisti la Banca del Cilento e la sua nuova struttura, il convegno svoltosi a Viggianello e organizzato dalla Fondazione Grande Lucania, avente per tema lo Spopolamento dei Piccoli Comuni. L’incontro è stato moderato da Stefano Antonello Aumenta, responsabile della Rete Commerciale per il collocamento di Prodotti e Servizi della Banca del Cilento, ed ha visto la presenza tra gli altri del senatore Franco Castiello, Presidente della Fondazione Grande Lucania, del sindaco di Viggianello Antonio Rizzo, e del Vescovo della Diocesi di Tursi Lagonegro, Mons. Vincenzo Orofino. Presenti diversi rappresentanti della Banca del Cilento, tra i quali il Vice Presidente Giovanni Fiorenza, il responsabile commerciale d’area lucana Vito De Marco, Giuseppe Iannibelli, ed il giovane Luca Oliveto.
Il giovanissimo Sindaco di Viggianello, Antonio Rizzo, preceduto nel suo intervento da un’introduzione del Capo Gruppo di Maggioranza Francesco Di Ranni, ha cristallizzato uno spaccato reale e puntuale del problema spopolamento. A rendere tangibile e chiaramente percepibile questa grave realtà anche le slides realizzate dal Responsabile della Protezione Civile Giuseppe Attadia. Particolarmente emozionante è stato il documentario realizzato da Simone la Vecchia che, insieme a quello realizzato sull’area cilentana, ha attratto anche l’interesse di Rai 1.
Il Vescovo della Diocesi Tursi Lagonegro, Mons. Vincenzo Orofino, ha ulteriormente declinato la questione dello spopolamento utilizzando il suo privilegiato punto di vista. Da esperto conoscitore del territorio, pur evidenziando una situazione molto complessa e grave, Mons. Orfino non ha mancato di comunicare la speranza nel futuro e nella fattiva operosità della gente lucana.
Il Senatore Francesco Castiello, Presidente della Fondazione Grande Lucania, è stato estremamente preciso e puntuale nel suo intervento: “Per la Lucania e per il Sud in generale –ha sottolineato tra l’altro- occorre progettare e realizzare un “secondo piano Marshall per le infrastrutture primarie”

Vedi anche

Roccagloriosa: Si conclude con successo la partecipazione alla XXI edizione della BMTA di Paestum

 “La partecipazione alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum ha rappresentato, per Roccagloriosa, una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta