Ultime Notizie

ARPAC: Mare balneabile in città e in gran parte della provincia ma la Regione boccia i “gioielli” di Vietri, Ravello, Cetara e Sapri

SALERNO – Acqua azzurra, acqua chiara. Mai come quest’anno, il refrain della celebre canzone di Lucio Battisti, sembra essere appropriato per il mare salernitano. Sarà l’emergenza Coronavirus, che ha ridotto al minimo l’inquinamento, oppure sarà a causa degli interventi sui depuratori in tutta la provincia: fatto sta che le coste salernitane, per il momento, risultano essere in piena forma. Certo la classificazione è riferita ai precedenti monitoraggi della balneabilità, ma comunque la qualità del mare è superiore alla media degli scorsi anni. E, alla fine dell’emergenza sanitaria, i salernitani potranno tuffarsi, nella maggior parte dei casi, in acque limpide.

I dati generali. L’Arpac, come struttura di supporto tecnico per la Regione Campania, ha provveduto all’aggiornamento e alla revisione dell’attuale rete di monitoraggio e dei relativi punti di prelievo per la stagione balneare 2020 sulla base degli esiti analitici dei campionamenti effettuati nelle scorse stagioni balneari e delle informazioni pervenute da parte delle Amministrazioni comunali competenti. E la Regione, a sua volta, ha individuato le acque adibite alla balneazione per la stagione balneare 2020 e i relativi punti della rete di monitoraggio georeferenziati, uno per ogni area di balneazione, sui quali saranno effettuati i controlli durante la stagione balneare. Nel Salernitano i punti individuati sono ben 153, da Positano a Sapri. E lungo i circa 220 chilometri di costa, si registrano solo sette aree dove la balneabilità è classificata come scarsa e, dunque, vietata. Altre 4 zone, invece, sono di nuova classificazione e, pertanto, durante la stagione balneare, nel principio di massima tutela del bagnante, potranno essere istituiti controlli con frequenza maggiore. Nel complesso, tutto il mare della provincia gode di ottima salute, anche in zone dove, in un recente passato, tuffarsi in mare era diventato molto rischioso la salute. Sia in Costiera amalfitana che in quella cilentana la stragrande maggioranza delle località balneari possono fregiarsi della classificazione massima: eccellente. Tra le promosse a pieni voti, infatti, ci sono, infatti, solo per citare alcune tra le località più conosciute, Agropoli, Amalfi, Ascea, Camerota, Capaccio, Casal Velino, Castellabate, Centola, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Pollica, Positano, Praiano e Ravello. Balneabilità scarsa e nuova classificazione. C’è anche il rovescio della medaglia e, a sorpresa, la classificazione scarsa viene attribuita ad alcune località della Costa d’Amalfi, come la Marina di Cetara, la spiaggia di Marmorata a Ravello e il primo tratto di Marina di Vietri. Parametri quest’ultimi che sicuramente potranno migliorare con i nuovi rilievi. Anche la Costa cilentana, tuttavia, deve registrare un’area dove è proibito tuffarsi: il lungomare di Sapri. Le altre maglie nere della balneabilità sono assegnate alla spiaggia ad est della foce del fiume Irno a Salerno e a due località di Pontecagnano: La Picciola e Magazzeno. Le località, invece, dov’è stata istituita la nuova classificazione e che, quindi, saranno oggetto di maggiori e più frequenti controlli, sono la spiaggia di Atrani, Spineta Nuova e Lido Spineta a Battipaglia e Minori.

Le sorprese. Promosso anche il litorale di Salerno città. Mercatello, Santa Margherita a Pastena e Mariconda possono addirittura fregiarsi del massimo dei voti, così come la spiaggia a Sud di Marina d’Arechi. Gode di buona salute la spiaggia libera compresa tra la foce dei fiumi Fuorni e Picentino, mentre la classificazione è sufficiente, ma comunque balneabile, a Torrione. Anche a Battipaglia risulta eccellente la qualità dell’acqua a Tenuta Spineta e Lido Lago, così come pure a Eboli, dove ottengono il massimo dei voti Campolongo primo, Campolongo secondo e macchia Campolongo, mentre si deve accontentare di buono Nord Foce Sele. Situazione più critica a Pontecagnano, in cui non risulta alcun tratto eccellente. I due tratti con la classificazione migliore (buona) sono Denteferro e Sud Foce Asa.

(Gaetano de Stefano – LA CITTA)

Vedi anche

Via libera agli spostamenti tra regioni dal 3 giugno, Conte accantona la prudenza

La linea della prudenza può essere, finalmente, accantonata. Il premier Giuseppe Conte, ieri pomeriggio ha …

Agropoli: 1400 posti ombrellone e 8 spiagge, presentato il progetto spiagge libere 2020

Presentato, in diretta su Cilento Channel dal Sindaco Coppola, il progetto delle spiagge libere per il …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta