Accelerazione della spesa: 303 milioni di euro rischiano di andare in fumo, sindaci pronti a dare battaglia

Regione Campania. 94 Comuni della Provincia di Salerno hanno avuto accesso ai fondi europei nel programma di accelerazione della spesa. 287 sono stai i progetti presentati, per un costo complessivo di 490 milioni di euro, di cui 357 cofinanziati dall’Europa. E ora sono ben 303 i milioni di euro che rischiano di andare in fumo perché gli enti non li hanno ancora spesi e, alla data del 31 dicembre 2015, li perderanno definitivamente. L’accelerazione della spesa, che avrebbe dovuto consentire ai Comuni di completare opere importanti per il territorio, sembra dunque non aver fatto altro che acuire quel clima di crisi che persiste ormai da anni e che ora potrebbe portare al tracollo finanziario di diversi enti. Gli spiragli per uscirne sono davvero pochi e sembrano avere un briciolo di concretezza solo per quei progetti che superano il fatidico importo dei 5 milioni di euro.

Finanziamenti che superano i 5 milioni di euro – Proprio oggi l’assessore regionale con delega ai Fondi europei,Serena Angioli, sarà a Bruxelles per presentare il piano dei progetti da finanziare nei Por 2014-2020. E’ in questo piano, da ben 4 miliardi e 150 milioni di euro, che andranno a ricadere i progetti finanziati con somme che superano i 5 milioni di euro. Ed è dalla sua approvazione che dipenderà il destino di infrastrutture importanti per il territorio salernitano, una fra tante la rete idrica albanellese.

Finanziamenti inferiori a 5 milioni di euro – Ancora più incerto è il destino di quelle opere che hanno invece ottenuto finanziamenti inferiori a 5 milioni di euro e per le quali Angioli è stata perentoria: “Nessuna proroga, non creiamo false aspettative. I sindaci lo sanno bene dall’inizio e quegli accordi li hanno sottoscritti sapendo che sono giuridicamente vincolanti”. Parole che sembrano una condanna al fallimento, soprattutto per i piccoli comuni. “Per salvare queste realtà – continua l’assessore campano – dovremmo trovare altrove le risorse, perché non è automatico che questi lavori vengano finanziati con fondi regionali. Questo significa dover fare dei tagli e a farne le spese saranno i cittadini. Per questo valuteremo caso per caso, a seconda dell’avanzamento dell’opera e della sua reale utilità per il territorio. Dovremo fare un piano parallelo da inviare al Governo per chiedere fondi che al momento non ci sono. La situazione in cui versa la Campania è di estrema gravità, cercheremo di salvare il salvabile”.

Sindaci pronti a dare battaglia – Intanto sono tanti i sindaci della provincia salernitana che sono pronti a dare battaglia. Tra questi, il primo cittadino di Camerota, Antonio Romano. “Non capisco cosa siano sei o otto mesi in più – afferma il sindaco – Bisogna fare tutti gli sforzi possibili per ottenere una proroga, dal momento che i problemi che stiamo riscontrando sono di carattere gestionale e ora non possono dirci che i termini sono perentori. Non possiamo permetterci di perdere questi finanziamenti, perché finire le opere con fondi comunali è impossibile. Di questo passo andremo verso il fallimento. Se l’accelerazione della spesa è partita all’ultimo minuto per colpa della Regione, non possono far ricadere la colpa sui Comuni”. Dello stesso avviso anche i sindaci di Montecorvino Rovella, Egidio Rossomando, che promette di “consegnare la fascia da sindaco e avviare battaglia legale in caso di perdita di finanziamenti”, e di Sala Consilina, Francesco Cavallone. “Perdere i finanziamenti – afferma Cavallone – farà aprire molti contenziosi con le ditte che si sono aggiudicati i lavori, che al momento non hanno la forza economica di continuare. E per noi sarà la fine”. Intanto la Regione si è già premurata di inviare a molti Comuni delle lettere in cui si annuncia la revoca dei finanziamenti ottenuti se le opere messe in campo non saranno ultimate entro il termine stabilito. (Angela Sabetta – Voce di Strada)

Vedi anche

Tari. Cammarota: a Salerno subito il rinvio come a Baronissi e il rimborso

“Ci hanno detto no al rinvio della Tari per regole di bilancio, ma il Comune …

Provincia di Salerno. Strade: A Oliveto Citra, Colliano e Valva i lavori di messa in sicurezza  

La Provincia di Salerno consegna altri lavori di miglioramento della sicurezza stradale, sulla SP 9/a, …

lascia un commento

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta