Home / Politica / Camerota. Sindaco Scarpitta: “Opere pubbliche, investimenti di 40 milioni in tre anni”

Camerota. Sindaco Scarpitta: “Opere pubbliche, investimenti di 40 milioni in tre anni”

CAMEROTA. Oltre 40milioni di euro per realizzare ventuno nuovi interventi nel territorio comunale di Camerota. E’ quanto ha previsto di realizzare, nel programma triennale delle opere pubbliche 2017-2019, l’amministrazione comunale di Camerota, guidata dal sindaco Mario Scarpitta. Di questa quota si prevede una spesa maggiore da operare nel 2018, pari a circa 30 milioni e i restanti 10 milioni nel 2019. Di questi circa 240mila euro verranno acquisiti tramite apporto di capitali privati. Tra gli interventi di maggiore importo spiccanola riconfigurazione e messa in sicurezza del layout portuale e delle banchine del porto di Camerota per un costo di 12,4 milioni di euro; 4,7 milioni per la sistemazione generale della rete fognaria; 3 milioni per la sistemazione della strada rurale Camerota-Lentiscosa e la realizzazione del ponte di attraversamento sul Vallone delle Fornaci. E ancora: 4,9 milioni di euro per il ripascimento della spiaggia della Calanca; 1,3 milioni per l’adeguamento, messa in sicurezza e riqualificazione energetica scuola dell’infanzia, primaria e secondaria della frazione Licusati; 2 milioni per il recupero del Castello di Camerota, di quello di Licusati, della grotta di S. Biagio e della cappella rupestre di San Vito; 2 milioni per il completamento edificio scolastico alla frazione Marina e costruzione dell’annessa palestra polifunzionale; 1,4 milioni per il recupero del tessuto urbano del centro storico di Camerota capoluogo. Previsto poi l’ampliamento del cimitero di Camerota capoluogo per 250mila euro circa; circa 850mila euro per la ristrutturazione e messa in sicurezza del campo sportivo di Camerota Capoluogo, la valorizzazione delle grotte degli Infreschi e della Serratura per 200mila euro. (La Citta’)

su Redazione Opera News

Vedi anche

Agropoli, le case del boss non utilizzate.Condannato l’ex sindaco Franco Alfieri

Erano stati confiscati alla camorra ma i beni non erano stati mai utilizzati dal Comune …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi e Accetta